Iraq: calciatore colpito a morte da un tifoso per aver segnato un gol


L'Iraq non riesce a trovare pace e anche il mondo del calcio è teatro di una violenza assurda e ingiustificata. La notizia di cui oggi ha riferito Marca è davvero terribile per quanto incredibile. A Hila, 100 km a sud di Baghdad, si stava giocando l'incontro tra Sinyer e Buhayrat quando Heidar Kazem, del Sinyer, è riuscito a realizzare una rete. A quel punto un tifoso, che non aveva evidentemente gradito il gesto, ha estratto un'arma da fuoco e ha sparato verso l'autore del gol.

Il povero Kazem è stato colpito alla testa e la sua situazione è subito apparsa disperata. Il calciatore è stato trasportato d'urgenza in ospedale ma è morto poco dopo il suo arrivo nella struttura sanitaria. Intanto il folle tifoso è stato subito individuato e arrestato. La notizia assume un'importanza ancora superiore se si pensa al ruolo che riveste il calcio in un paese in via di ricostruzione come l'Iraq. La nazionale irachena, con il titolo di campione d'Asia conquistato due anni fa, ha svolto un compito molto importante da un punto di vista sociopolitico.

I "Leoni di Babilonia", questo il soprannome dei giocatori iracheni, rappresenteranno il loro continente nella prossima Confederations Cup. C'è da ricordare che ancora oggi, a causa della guerra, questa nazionale non può disputare le partite casalinghe nei propri confini. Un avvenimento come quello accaduto oggi non fa altro che ribadire quanto sia ancora lunga la strada verso la ricostruzione e la pace in un paese martoriato da anni di guerra.

  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: