Galliani mette le mani avanti: "Sarà un Mercato esile" e definisce "bufala" l'idea della Super Lega europea

Torna a parlare Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan. Niente annunci trionfalistici e proclami per il futuro, al contrario Galliani scende in campo per avvertire i tifosi che il prossimo calciomercato estivo sarà "esile ed esangue" per i rossoneri, impegnati a fare i conti con la crisi economica e con pochissima voglia di strafare. Non sono dunque servite le contestazioni della curva prima dell'ultima partita interna del Milan contro l'Atalanta, i rossoneri non si dissangueranno per rinforzare la loro rosa durante l'estate.


Si aspettino un mercato estivo esilissimo, esangue, con scambi di giocatori, ma con pochissimo movimento di denaro, a parte poche società. Questo è più che sicuro.

Niente grandi colpi agostani, i tifosi dovranno accontentarsi e non devono nemmeno attendersi l'acquisto di un nuovo portiere dopo la notizia dell'infortunio di Abbiati che terrà lontano dal campo il numero 12 rossonero fino alla prossima stagione.


Assolutamente no, non cambiano i portieri neanche per l'anno prossimo. Negli anni scorsi con Dida e Kalac abbiamo vinto le Champions e il Mondiale per club, quindi andiamo avanti con loro e aspettiamo Abbiati.



Galliani

non si sbottona nemmeno su Maxwell, l'esterno brasiliano dell'Inter in scadenza di contratto che alcune voci avevano avvicinato al Milan, richiamandosi alla disposizione della società che "vieta" qualsiasi riferimento ai cugini nerazzurri dopo l'ultimo recente scontro Ancelotti - Mourinho.

Infine una smentita, piuttosto netta, dei rumors che ieri avevano riferito di un'imminente riforma della Champions League con la nascita della SuperLega Europea riservata ai grandi club. Galliani la definisce una "bufalona", soprattutto per quello che riguarda il ruolo da principale sostenitore della proposta riservato da France Football alla società rossonera.


Non esiste, noi siamo in contatto con i vertici europei e Platini e non ne abbiamo mai parlato. È solo una bufalona primaverile con leggero anticipo sul 1° aprile. Sono già stati venduti i diritti della Champions per i prossimi tre anni con questa formula, quindi è impensabile che cambi nulla, almeno per tre anni. Ho letto che noi saremmo tra i fautori e il Bayern Monaco invece il contraltare, ma non è vero, non abbiamo mai spinto.

  • shares
  • +1
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: