Zinedine Zidane: il Corinthians lo corteggia


Pare che al Corinthians ci stiano prendendo gusto nel voler essere al centro dell'attenzione mediatica: è recentissima la notizia di un loro interessamento nei confronti di Zinedine Zidane. E' il quotidiano spagnolo As a riportare le dichiarazioni del direttore tecnico del club paulista, Mario Gobbi, che esprime il desiderio di vedere il campione transalpino vestire la maglia bianco-nera e affiancarsi in campo a Ronaldo. Chiaramente il dirigente si dice consapevole dell'impraticabilità dell'operazione ma aggiunge che lo stesso si diceva sul possibile acquisto del Fenomeno. Il progetto della squadra brasiliana sarebbe quello di rifarsi ai Galacticos, il Real Madrid zeppo di campionissimi che agli inizi del decennio ha affascinato i tifosi di tutto il mondo.

Ad Andres Sanchez, presidente del club, questa idea dev'essere balenata in questi giorni in cui ha incominciato ad essere ripagato della scommessa e del sacrificio economico legato all'ingaggio di Ronnie; le televisioni, gli sponsor e un numero enorme di tifosi hanno inneggiato alle prestazioni del campione che, l'8 marzo, ha realizzato la sua prima rete in campionato contro il Palmeiras e pochi giorni dopo s'è ripetuto andando in gol contro il Sao Caetano. Chiaro allora lasciarsi un po' andare con l'immaginazione e sfruttare la profonda amicizia tra il calciatore di Rio e Zizou, compagni di squadra ai tempi del Real Madrid e ora uniti nella campagna ONU "Uniti contro la povertà" per raccogliere fondi con partite di beneficenza a sostegno dei bambini più sfortunati.

I problemi sulla fattibilità dell'affare sono principalmente due: in primo luogo Zinedine Zidane ha appeso le scarpette al chiodo il 9 luglio 2006, partita della finale mondiale di Berlino Italia-Francia (da allora ha partecipato solo a qualche esibizione) e seppur ha mostrato nostalgia per il campo da gioco non si è mai detto pentito del suo ritiro; in secondo luogo si parla insistentemente di un suo futuro ruolo come “consulente” nella dirigenza delle merengues se al termine delle elezioni Florentino Perez dovesse ritornare ad indossare le vesti di presidente del Real Madrid.

Insomma, tutta la faccenda, alla fine, non sarà che un occasione per buttarci giù un po d'inchiostro e fare un po di scalpore ma sono queste notizie di fantamercato che fanno sussultare il cuore di un appassionato di calcio, eccitato dall'idea di rivedere un grande campione a stretto contatto con la palla, che sia allo stadio Parque Sao Jorge di San Paolo o, finanche, al campetto sotto casa.

  • shares
  • +1
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: