Adriano rischia il carcere per lesioni colpose

Ancora guai per Adriano. Come riporta Il Corriere dello Sport, l'ex centravanti del Flamengo è stato denunciato dalla ragazza che la vigilia di Natale dello scorso anno rimase ferita ad una mano da un colpo di pistola (una falange fracassata con un proiettile di una Taurus calibro 40) che partì accidentalmente nella Bmw del calciatore. L'accusa è quella di lesioni colpose, per le quali dovrà rispondere anche la guardia del corpo del brasiliano, l'ex poliziotto Julio Cesar de Oliveira, proprietario dell'arma. I due rischiano fino ad un anno di reclusione. Si tratta di un colpo di scena dato che il caso sembrava si fosse chiuso pochi giorni dopo il fatto in questione. Infatti, Adriana Cyrilo Pinto, con la quale Adriano era andato in un locale notturno, aveva ammesso in lacrime di essersi ferita da sola mentre giocherellava con l’arma sottratta in precedenza al bodyguard del giocatore.

Ed invece, no. L'incidente avvenuto il 24 dicembre scorso, a distanza di quasi un anno non si è assolutamente chiuso per Adriano e la sua guardia del corpo.

L'ex centravanti di Parma, Inter e Roma si trova dunque ad affrontare una nuova difficoltà, dopo le numerose che negli anni hanno influenzato in maniera non positiva la sua carriera, dall'alcool alla depressione. Ricordiamo che Adriano ha abbandonato temporaneamente il calcio dopo la rottura col Flamengo, avvenuta anche a causa delle sue notti brave e del suo scarso impegno in allenamento. In proposito c'è da segnalare una curiosità: il locale presso il quale l'ex Imperatore è stato recentemente ripreso ubriaco, il Barra-Show, è quello presso il quale un anno fa è avvenuto l'incidente in questione.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail