Pato, scoppia il caso dopo il gol in Champions: "Voglio giocare, arriverà il mio agente..."

Anderlecht - Milan 1-3: Le foto della Partita
Alexandre Pato torna a segnare in Champions League dopo la rete con il Malaga a San Siro. Il suo gol è importante, chiude una partita che poteva farsi complicata per via dell'assedio finale di un Anderlecht in 10 disperatamente alla caccia del 2-2, anche se in proporzione meno di quello del pari di 15 giorni fa. Fra queste due gioie europee ci sono state due giornate di campionato che hanno lasciato strascichi nel rapporto fra Allegri e il giocatore. La sconfitta con la Fiorentina in casa, con il rigore procurato e calciato alle stelle dal brasiliano, e il confortante pareggio a Napoli arrivato grazie ad altri protagonisti, El Shaarawy su tutti.

Allegri ha deciso di tenere ai margini il giocatore nella trasferta al San Paolo, il Papero non è entrato e sono stati utilizzati tutti gli altri disponibili in rosa, e alla vigilia del match di stasera è stato lo stesso Galliani a benedire la scelta dell'allenatore parlando di un Pato "non ancora pronto dopo i tanti infortuni".

Nella partita con l'Anderlecht in realtà Pato ha avuto la sua chance entrando prima del 2-0 meraviglioso di Mexes in rovesciata, con il risultato ancora in bilico, al posto di Bojan. Il brasiliano, come detto, ha anche segnato il gol della sicurezza, ma a fine partita si lascia sfuggire qualche dichiarazione amara:

Avevo annunciato il gol al mister, gli ho detto che sarei entrato e avrei chiuso la partita. Ho preso un po’ di colpi, valuterò al mio rientro ma non penso a nulla di grave. El Shaarawy sta facendo bene, però adesso vediamo: voglio giocare, adesso viene il mio procuratore e poi vediamo

Anderlecht - Milan 1-3: Le foto della Partita

Anderlecht - Milan 1-3: Le foto della Partita
Anderlecht - Milan 1-3: Le foto della Partita
Anderlecht - Milan 1-3: Le foto della Partita
Anderlecht - Milan 1-3: Le foto della Partita

Insomma, Pato vuole giocare, è preoccupato di essere finito in fondo nella graduatoria di preferenze del suo allenatore e annuncia l'arrivo del suo procuratore per chiarire la situazione. Il clima attorno al giocatore non è dei migliori: alcuni tifosi lo hanno contestato pesantemente dopo l'errore dal dischetto con la Fiorentina, si è sfiorata l'aggressione fisica, il suo rapporto sentimentale con figlia del presidente è finito ed in molti collegano le cessioni di Ibra e Thiago Silva al PSG alla scelta di Berlusconi che in gennaio aveva trattenuto il giocatore a fronte di una super offerta proprio della società francese.

In questo clima affermare di "voler giocare" e chiedere l'intervento del proprio procuratore potrebbe inasprire le tensioni. A Galliani il compito di ricucire questo "mini strappo" prima che la situazione degeneri.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: