Antonio Conte rinnova con il Bari, ora per la Juve la corsa è Spalletti - Ferrara


Antonio Conte ha rinnovato il suo contratto con il Bari per un altro anno. In questo momento è in corso la conferenza stampa con il tecnico dei pugliesi, il Presidente Matarrese e il dg Perinetti. Esce così di scena uno dei protagonisti della rincorsa alla panchina della Juventus. A questo punto i due più accreditati restano Luciano Spalletti e Ciro Ferrara, e non saranno pochi i tifosi bianconeri delusi dall'uscita di scena dell'ex numero 8 bianconero delle Juventus di Trapattoni e di Marcello Lippi.

Conte era andato vicinissimo a mettere la firma sul contratto che lo avrebbe portato sulla panchina dei bianconeri, ma la Juventus ha posto delle condizioni che il tecnico non ha intenzione di accettare. Innanzitutto il modulo di gioco, Conte gioca con un 4-4-2 che può diventare in fase offensiva in 4-2-4, uno schema che punta molto sugli esterni offensivi e che di fatto sarebbe problematico adottare con un giocatore come Diego, la punta di diamante del mercato bianconero.

Inoltre alla Juventus hanno deciso di cambiare strategia: la società vuole assumere uno staff tutto suo, in questo senso la notizia dell'ingaggio per 5 anni di Massimo Neri, ex preparatore atletico di fiducia di Fabio Capello alla Roma, poi proprio alla Juve ed oggi della Nazionale Inglese. Conte avrebbe voluto portare il suo staff e l'aveva detto chiaramente: se arrivo io torna anche Ventrone, preparatore della prima Juventus di Lippi che non è amato dei giocatori per i suoi metodi da "marines".

A questo punto i 10 giorni chiesti da Blanc, il più perplesso sull'arrivo di Conte, sembrano un via libera a Luciano Spalletti che per venire alla Juventus dovrebbe prima liberarsi dalla Roma, poi accettare la condizione di lasciare il suo storico staff ed accasarsi solitario (o quasi) a Vinovo. Spalletti è davvero intenzionato a farlo? Difficile capirlo.

L'altro candidato resta Ciro Ferrara, anche se fra "10 giorni" lui dovrebbe essere con Lippi a preparare la Confederations Cup di metà giugno. Insomma, il rebus, nonostante l'uscita di scena di Conte è lontano dall'essere risolto.

  • shares
  • +1
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: