Juve, agenti Giaccherini: "Glik, fallo criminale", arriva la squalifica ma solo per una giornata

In pochi, se non forse l'allenatore del Torino Giampiero Ventura, hanno avuto da ridire sull'espulsione diretta decisa dall'arbitro Rocchi ai danni di Kamil Glik: sabato sera il difensore polacco dei granata è entrato in maniera davvero troppo dura e ingiustificata nei confronti dello juventino Emanuele Giaccherini, il suo intervento è stato definito dallo stesso direttore di gara durante le proteste toriniste un "fallo brutale". Secondo questa dizione (carpita chiaramente dal labiale di Rocchi), a prescindere dall'entrataccia in sé di cui ognuno si è fatto un'opinione, sarebbe dovuta scattare la squalifica di Glik per almeno due giornate di squalifica; così però non è stato perché il Giudice Sportivo Gianpaolo Tosel ha oggi deciso di sospendere il polacco per un solo turno, la gara di domenica prossima che il Toro giocherà in casa contro il Milan.

Proprio oggi i due agenti di Emanuele Giaccherini, al secolo Furio Valcareggi e Giulio Marinelli, hanno espresso il loro pensiero interpellati dal portale TuttoJuve.com; secondo loro l'entrata sconsiderata di Glik poteva costare molto molto cara all'esterno di Talla:

"L'intervento di Glik ha rischiato di troncare la carriera di Emanuele. Il difensore polacco ha fatto un'entrata folle, da pazzia. Quando abbiamo rivisto i replay ci sono venuti i brividi. Un intervento di una gravità e pericolosità estrema che ha rischiato di spaccare i legamenti in maniera non ricomponibile. Il ginocchio non sarebbe potuto più essere riattaccato, è successo a Casiraghi in passato. Se c'erano tre cartellini rossi nel taschino dell'arbitro, Glik ne avrebbe presi tre. Merita una lunga squalifica".

Come detto nessuna lunga squalifica, Tosel ha deciso che una giornata ai box può bastare motivandola con uno stringato "per essersi reso responsabile di un fallo grave di giuoco". Tant'è, bene per il Torino che è stato però multato di 25mila euro per i danni provocati dai tifosi (o presunti tali) all'interno dello Juventus Stadium, mentre la Juve dovrà sborsare 10mila euro per lo striscione offensivo circa i tristi fatti di Superga. Questo l'elenco completo di ammende e squalifiche:

Squalificati per un turno: Andreolli (Chievo), Bellusci e Barrientos (Catania), Boateng (Milan), Bocchetti (Pescara), Glik (Torino), Mustafi e Krsticic (Samp), Dessena ed Ekdal (Cagliari), Gabbiadini (Bologna), Giovinco (Juventus), Samuel (Inter) e Stendardo (Atalanta); per due turni il collaboratore tecnico del Catania Giuseppe Irrera. Multe per le società: 25mila euro al Torino (danneggiamenti), 10mila alla Juve (striscione su Superga), 4.000 al Catania e 3.000 alla Lazio.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: