Juve, torna Conte in panchina: le dichiarazioni dei colleghi... e non solo

Il conto alla rovescia è finito, Antonio Conte ha finito di scontare la squalifica per "omessa denuncia" e può tornare a sedere sulla panchina della "sua" Juve. Col condottiero ingabbiato per quattro lunghi mesi il club bianconero ha saputo comunque tenere testa ai propri impegni vincendo la Supercoppa Italiana a Pechino, mantenendo la testa del campionato di Serie A e superando il turno di Champions League da prima del Girone. Eppure il ritorno del tecnico pugliese finirà col dare ulteriore carica all'ambiente, col serio rischio per le pretendenti al titolo che la Juve possa fare lo scatto decisivo verso il secondo tricolore di fila tra dicembre e febbraio, scevra da impegni europei e con un calendario decisamente facile.

In ogni modo il calcio italiano riguadagna un assoluto protagonista (e già le televisioni sono pronte a scatenarsi con Sky che lo seguirà a Palermo per tutto il match con una telecamera dedicata), come sottolineato dal ct dell'Italia Cesare Prandelli:

"Sicuramente Antonio Conte domani tornerà in panchina con molte motivazioni e con rabbia. Torna un grande allenatore che è riuscito in un anno a cambiare non soltanto la mentalità ma anche la cultura del lavoro. Torna un grande protagonista".

Saluta il rientro a bordo campo del tecnico juventino anche Massimiliano Allegri; l'allenatore del Milan, con cui Conte ha spesso battibeccato nella scorsa stagione, è contento di rivedere il collega il panchina:

"I migliori auguri per il suo ritorno in panchina. Credo che abbia sofferto abbastanza stando lontano dalla squadra, questo ritorno in panchina sarà un bene a lui ed alla squadra. Gli allenatori fanno pochi gol dalla panchina, ma potrà essere importante perchè dalla tribuna le partite si vedono in maniera diversa. E credo sia giusto che torni in panchina".

Per l'allenatore dell'Inter Andrea Stramaccioni non cambia molto per la Juve:

"Un allenatore in panchina è meglio di un allenatore in tribuna, ma non mi sembra che la Juventus ne abbia risentito".

Addirittura fa i migliori auguri ad Antonio Conte anche il Presidente federale Giancarlo Abete:

"Un in bocca al lupo per Conte che torna in panchina? Certamente. Al di la' della tante polemiche che ci sono state e che accompagnano il mondo del calcio, delle posizioni espresse da Conte e della società, è un protagonista del mondo del calcio e il fatto che lui riprenda il suo posto in panchina, oltre ad essere un fatto naturale, è un motivo di soddisfazione per lui e per la società".

Chiudiamo con le dichiarazioni maliziose, e di certo non rilasciate a caso, di Silvio Berlusconi in merito a questa vicenda:

"Non conosco nello specifico la sua situazione. Ma non ci sarebbe da meravigliarsi se anche lui fosse uno dei perseguitati dalla giustizia, in questo caso sportiva".

Tant'è, da oggi è tutto finito e Antonio Conte potrà entrare in tutti i stadi d'Italia e d'Europa comunque, e ancor di più, a testa alta.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: