L'Inter di nuovo seconda, Stramaccioni: "Ma non siamo l'anti-Juve"

Il posticipo della sedicesima giornata di Serie A ha consegnato al campionato un cambio di guardia sul secondo gradino (temporaneo) del podio: coi tre punti conquistati ai danni del Napoli, l'Inter è tornata ad essere la prima inseguitrice della Juve proprio ai danni dei partenopei. Di sicuro una buona notizia per il club nerazzurro, anche se la partita di questa sera consente a Conte e ai suoi ragazzi di allungare in classifica rispetto alla seconda, da +2 sul Napoli a +4 sull'Inter. Questa danza alle spalle della Juve disorienta i cronisti, desiderosi da inizio anno di individuare l'antagonista principale del club piemontese e puntualmente sbugiardati dopo le prestazioni altalenanti delle sue presunte rivali.

Non ci casca, dunque, Andrea Stramaccioni che dopo la buona vittoria contro il Napoli rifugge qualsiasi appellativo che collochi la sua squadra in una posizione privilegiata quale prima inseguitrice della Juve:

"Noi non siamo l’anti Juve, non siamo l’anti niente: l’ultima volta che ce avete affibbiato questo epiteto poi siamo crollati. Scherzi a parte, siamo contenti di essere secondi, la stagione finora è stato molto positiva, ma dobbiamo ancora lavorare. Oggi abbiamo messo in campo una prestazione di forza e convinzione e i ragazzi sono stati fantastici. Ora godiamoci la vittoria, ma da domani dobbiamo subito concentrarci sulla Lazio a Roma, una delle trasferte più difficili d’Italia".

Inter - Napoli 2-1: le foto della partita

Inter - Napoli 2-1: le foto della partita
Inter - Napoli 2-1: le foto della partita
Inter - Napoli 2-1: le foto della partita
Inter - Napoli 2-1: le foto della partita

Il Normal One Stramaccioni è ben conscio che questo successo possa dare un ulteriore impulso alla stagione interista ("Ce la giocheremo con tutti"), sullo stessa frequenza si sintonizza Diego Milito tornato al gol dopo più di un mese (allo Juventus Stadium il 3 novembre la sua ultima soddisfazione personale):

"Questa vittoria per noi rappresenta un grande risultato, siamo felici di aver battuto una grande squadra. Lotteremo con Napoli e Juve fino alla fine per lo scudett. Il mio gol? Sono felice per la rete ma soprattutto per la vittoria. Noi l'anti-Juve? Non è facile, stiamo facendo bene contro le big ma ci manca un pò di continuità con le piccole. Lavoreremo per migliorare, siamo sulla strada giusta".

Dunque soddisfazione ma moderato ottimismo: e se la seconda in classifica, per bocca del suo allenatore e del suo bomber "Principe", non si reputa la principale antagonista della battistrada, beh, allora appare difficile immaginare lo scudetto cucito su una maglia diversa da quella a strisce bianche e nere.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: