"Palazzo Milan", addio Via Turati, dal 2014 la nuova sede rossonera voluta da Silvio

La notizia era nell'aria, ma adesso ci sono anche le coordinate geografiche. Via Turati addio, con exit-strategy prevista per il 2014, ecco il nuovo Palazzo Milan, architettura futuristica incastonata all'interno del grande progetto Citylife che coinvolge l'intera riqualifica della vecchia zona della Fiera Campionaria di Milano.

Siamo nel nord-ovest della città, nelle vicinanze dello stadio Meazza visto che il Milan ha anche ormai scelto l'ubicazione della sua nuova sede, annunciata come avveniristica, all'interno di un'area vasta migliaia di metri quadri. Il quartiere specifico, infatti, è quello di Portello, appena a nord di piazzale Lotto, tipico punto di riferimento e aggregazione per chi allo stadio giunge direttamente dal cuore della città.

Sarà dunque un intero palazzo "dedicato", un piccolo grattacielo, a rilanciare l'immagine del Milan in Italia e nel mondo: uffici, segreteria, sale convegni e conferenze, quartier generale, punti ristoro, store ufficiale e, immancabilmente, sala trofei con tanto di museo storico sull'onda di ciò che ha fatto la Juventus nell'ultimo anno.

Si promettono fuochi d'artificio a livello di luci e spettacolo già nella visuale esterna e il Milan, per realizzare tutto questo, ha anche assoldato nuovi referenti marketing per rendere economicamente produttiva l'intera operazione.

Palazzo Milan è un progetto fortemente voluto da Silvio Berlusconi e la figlia Barbara, consigliati da chi intende aggiornare il club rendendolo al passo con i tempi. Si vocifera che Galliani non me sia così entusiasta, forse quei soldi lui li vorrebbe sulla squadra. Ma attenzione, Adriano: a prescindere dalle interviste di facciata, c'è già chi lega il tuo destino a quello di Massimiliano Allegri. Sono brutti segnali...

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail