Cielo nuvoloso a Firenze. Si prevedono TONI e fulmini...

Serata gelida quella di ieri sera al Franchi. Per 44 minuti i tifosi viola (me compreso) hanno pensato che il Messina, con un colpo di mercato “alla Moggi”, avesse acquistato dalla Juventus il famoso “Culovic”, vero jolly di molte partite bianconere.
San Marco Storari nato in quel di Pisa stava per fare un bello sgarbo ai “cugini” Fiorentini.
Parate fuori dalla norma e un dubbio amletico nelle menti viola: “Perchè siamo andati a prendere un portiere in Olanda?”.
Ma in fondo se siamo quarti in classifica è anche merito di Pantaleo Corvino e tutti ci fidiamo ciecamente del nuovo arrivato (quindi, forza Lobont!).

Poi, dopo due traverse, un paio di assist e qualche progressione pazzesca, Toni si è abbattuto implacabilmente sui Messinesi con una doppietta delle sue.
Ora è a quota 21 reti in 21 gare. Nessuno in Europa ha segnato come lui, nemmeno Eto'o, Klose e Ruud Van Nistelrooy riescono a tenere il passo.
Segnali concreti per un mondiale che è alle porte e per una Champions che è alla finestra. La casa è solida e ci darà delle soddisfazioni.

Fra le note positive di ieri sera anche il debutto Kroldrup, difensore Danese classe 1979, penultimo acquisto del mercato di riparazione.
Partita pulita la sua, senza sbavature e con alcuni interventi di classe (uno fondamentale su un attaccante Messinese lanciato a rete).
Fantastica anche la prestazione di Pazzini, giocatore completo e sempre generoso nel sacrificarsi per la squadra, e di Pazienza, una delle più belle rivelazioni di questa mervigliosa stagione.

Sottotono invece Fiore, Pancaro e il capitano Dainelli che sta attraversando un periodo difficile.

Per il resto, tutti pronti per la difficile trasferta di Udine. Speriamo che il "maltempo" ci accompagni ancora...

[Immagine via wikipedia]

  • shares
  • Mail