Cresce l'attesa per Lazio-Juventus: Zarate in dubbio, Del Piero non convocato. Previsti 65 mila spettatori


E' sicuramente molto presto per parlare di sfida al vertice ma la classifica, per ora, vede le due squadre appaiate al primo posto a punteggio pieno. La nuova Lazio targata Ballardini è partita con il botto vincendo a sorpresa la Supercoppa Italiana contro l'Inter, a Pechino. I biancocelesti hanno continuato la striscia positiva sia in campionato che in Europa League, nonostante le defezioni "forzate" di due giocatori importanti come Ledesma e Pandev. La nuova Juventus allenata da Ferrara si è seriamente candidata al ruolo di anti Inter in campionato dopo la prova di forza messa in atto all'Olimpico, contro la Roma.
(Probabili formazioni e precedenti)

Un successo esterno nella capitale che il gruppo bianconero vorrebbe bissare, anche grazie alla spinta del folto numero di tifosi bianconeri che domani sera seguirà la propria squadra del cuore. Tra i biancocelesti l'unico squalificato è Cribari, mentre dall'altra parte Del Piero dovrà rinunciare alla partita e resterà a Torino per continuare nel programma di lavoro differenziato per permettergli di recuperare dal problema alla coscia sinistra in vista della gara di martedì di Champions League contro il Bordeaux. Rientrato l'allarme per Zarate, ma lo staff tecnico laziale deciderà solo all'ultimo minuto se schierarlo dall'inizio. Out Rocchi, infortunatosi in settimana.

Lazio-Juventus sarà anche il confronto tra due fuoriclasse come Zarate e Diego. Due calciatori diversi ma talentuosi, capaci di accendere le folle: più istintivo e imprevedibile il primo, più eclettico e al servizio della squadra il secondo. Ballardini prova a confrontarli: "Tra Diego e Zarate scelgo Zarate. Sono due grandi giocatori, ma diversi: il brasiliano è un centrocampista offensivo, l’argentino è un attaccante che è migliorato parecchio anche in fase difensiva e può diventare un fenomeno, uno dei più grandi al mondo”.

L'attesa di Ciro Ferrara: "Continuiamo come contro la Roma. Quando è uscito il calendario sapevamo che le prime due trasferte sarebbero state dure. Ma è dura anche per i nostri avversari. Torniamo all'Olimpico consapevoli delle ottime condizioni della Lazio. Ha i nostri stessi punti in classifica, nonostante la scelta di mettere da parte qualche giocatore. Sarà una gara delicata e difficile, un'ulteriore sfida per continuare a credere nelle nostre qualità".

Il bilancio delle sessantacinque sfide dirette giocate nella Capitale è in perfetta parità: ventiquattro vittorie a testa e diciassette pareggi, l’ultimo dei quali registratosi nello scorso campionato, il 18 gennaio 2009, un 1-1 siglato dalle reti di due giocatori che per motivi diversi non saranno protagonisti sabato sera: vantaggio laziale firmato dal “dissidente” Christian Ledesma (su papera di Manninger) e pareggio juventino di Olof Mellberg, passato in estate all’Olympiakos. Se si sconfina nelle sfide di coppa Italia si ritorna con la mente al recente doppio confronto tra le due formazioni che costò l'esonero a Claudio Ranieri (doppio 2-1 laziale).

Probabili formazioni
LAZIO (4-3-1-2): Muslera, Lichtsteiner, Diakite, Siviglia, Kolarov, Dabo, Baronio, Mauri, Matuzalem, Cruz, Zarate. Indisponibili: Firmani, Makinwa, Inzaghi , Brocchi, Siviglia, Rocchi
Squalificati: Cribari (1)
JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon, Grygera, Cannavaro, Chiellini, De Ceglie, Camoranesi, Felipe Melo, Marchisio, Diego, Amauri, Iaquinta o Trezeguet. Indisponibili: Sissoko, Zebina, Salihamidzic
Squalificati: nessuno

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: