I tifosi del Siena pagheranno di tasca propria la multa inflitta alla società


La multa inflitta dalla Lega al Siena ha portato un po' di tensione nella cittadina toscana. I cori di cattivo gusto rivolti al centrocampista della Roma Daniele De Rossi sono stati stigmatizzati da tutti compreso lo stesso presidente bianconero Giovanni Lombardi Stronati. Proprio la presa di posizione del dirigente, senese di adozione ma romano di nascita, ha infastidito la tifoseria della Robur che già in agosto lo aveva contestato con decisione.

Come risposta alla sanzione e alle parole del presidente la curva ha deciso di autotassarsi per raccogliere i 10.000 euro necessari a saldare il conto con la Lega. La raccolta dei soldi avverrà nella curva stessa in occasione delle prossime due partite interne contro Chievo e Livorno. Nel comunicato stampa diramato vengono spiegati i motivi di questa decisione:

Que­sto affinché la Socie­tà non debba assu­mersi responsabilità non proprie, visto che siamo sempre stati li­beri di esprimere i no­stri pensieri sull'ope­rato di tutti e che non abbiamo o vogliamo debiti, neppure mora­li.

Viene poi specificata l'origine del fastidio nei confronti delle parole di Lombardi Stronati ritenuto un po' troppo simpatizzanti nei confronti dei colori giallorossi. Il comunicato si chiude con il chiarimento delle motivazioni dei cori contro De Rossi che restano comunque inaccettabili: il giocatore è stato contestato per il suo atteggiamento provocatorio dopo il gol di Riise, non c'è quindi nessuna relazione con il fallaccio su Ardito di qualche anno fa.

  • shares
  • Mail