La curva Sud rifiuta la maglia lanciata da Totti: “Vogliamo calciatori che non giochino quando gli pare”

Una piccola macchia sulla bella partita disputata dalla Roma, trascinata dalle prodezze di Francesco Totti. A fine partita il capitano giallorosso si è recato, come di consueto, sotto la curva sud, feudo del tifo romanista. Un gesto fatto decine di altre volte, ma stavolta qualcosa è andato storto: la maglietta lanciata da Totti è stata

di antonio


Una piccola macchia sulla bella partita disputata dalla Roma, trascinata dalle prodezze di Francesco Totti. A fine partita il capitano giallorosso si è recato, come di consueto, sotto la curva sud, feudo del tifo romanista. Un gesto fatto decine di altre volte, ma stavolta qualcosa è andato storto: la maglietta lanciata da Totti è stata restituita al mittente dal tifoso che l’aveva agguantata per primo (Guarda le foto). Malumori della tifoseria per il fresco e opulento rinnovo contrattuale appena sottoscritto dal simbolo della società gestita dai Sensi? Niente affatto, come ha spiegato al Messaggero un rappresentante della curva:

“Non è così. La questione del rinnovo contrattuale non c’entra nulla. Si è trattato del gesto sconsiderato di un singolo. Noi non abbiamo nulla contro Totti. Probabilmente ieri la curva avrebbe rifiutato la maglietta di chiunque. Non è possibile alternare prestazioni ottime, come quella di domenica, a partite inguardabili, come invece è accaduto a Basilea. Non accettiamo che i giocatori si ricordino di noi solo a seguito delle vittorie. Perché non sono venuti sotto il settore ospiti anche a Basilea? Li avremmo accolti col calore che da sempre ci contraddistingue. Non ce l’abbiamo con Totti, perché mai dovremmo avercela con lui?”.