Cissokho: "Non ho nessun problema fisico, con il Milan era una questione di soldi."


Dopo che sulla sua vicenda c'era stato per lungo tempo un alone di mistero, ecco che Aly Cissokho parla in prima persona spiegando cosa è realmente accaduto con il Milan la scorsa estate. Il calciatore è stato annunciato come nuovo acquisto rossonero il 14 giugno scorso per la cifra di 15 milioni di euro dal Porto. Fin qui tutto bene, il calciatore francese arriva a Milano, rilascia le prime dichiarazioni e ed effettua le visite mediche. Dopo appena 4 giorni dall'annuncio dell'acquisto l'affare salta e il Milan spiega la cosa dicendo che durante le visite mediche erano stati evidenziati "problemi odontoiatrici" che potevano portare problemi di postura. Adesso Cissokho smentisce i rossoneri, in particolare Galliani, ed intervistato dal sito Uefa.com dice la sua verità:

"Le visite mediche con il Milan erano andate bene. Non c'era alcun problema dentale. I due club hanno messo in discussione, all'ultimo minuto, le cifre dell'affare. Sono sorti dei problemi relativi al pagamento di bonus che hanno fatto saltare il trasferimento. Io non ho potuto farci nulla. Le discussioni e le trattative sono state giustamente condotte in mia assenza. Insomma, il mio destino è stato deciso dalle persone al vertice dei due club".

Alla fine Cissokho è andato al Lione per la stessa cifra di 15 milioni, ma nelle sue parole trapela la delusione per la trattativa non finita a buon fine. In poche parole, se è vero quello che dice il il terzino franco-senegalese, Galliani ha mentito ai tifosi temendo probabilmente che ci potesse essere una reazione dei tifosi visto che Cissokho era stata annunciato come un grande acquisto per ringiovanire la rosa dopo la cessione di Kakà. Probabilmente Galliani non ha detto la verità perché sapeva che il Milan non era intenzionato a comprare un giocatore in alternativa spendendo magari più soldi, ma onestamente la vicenda adesso è diventata davvero grottesca. Forse qualche volta, anche nel calcio, si farebbe prima a dire la verità perché le bugie hanno sempre le gambe corte.

Cissokho comunque è un giocatore importante, anche senza indossare la maglietta rossonera, e per lui si parla di nazionale "Vorrei ricordare che ho la doppia nazionalità: francese e senegalese. Sono nato in Francia da genitori senegalesi. Potrei rappresentare entrambe le nazionali, ma finora non mi ha chiamato nessuna delle due. Il Senegal mi ha contattato, ma la squadra nazionale rischia di saltare la Coppa d'Africa e il Mondiale 2010. Quanto alla Francia, ho diversi giocatori che mi precedono in quel ruolo: Evra, Clichy, Abidal. Devo riflettere bene. In questo momento la cosa migliore è non pensare alla nazionale e avere pazienza".

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: