Il Romanista, quotidiano sportivo dedicato alla Roma torna in edicola

Venerdì 25 settembre tornerà in edicola "Il Romanista", quotidiano sportivo dedicato ai tifosi giallorossi e alla Roma dopo 208 giorni dalla chiusura. Il giornale aveva chiuso i battenti il primo marzo scorso con la promessa di ripartire appena fosse stato possibile. La distribuzione era stata momentaneamente sospesa in attesa dell'esito del ricorso al Consiglio di Stato presentato dalla società editrice, per il mancato incasso dei contributi statali del 2007 e 2008. Ora però c'è stata una svolta nella vicenda perché l'ex direttore Riccardo Luna, presidente del consiglio di amministrazione, ha trovato una soluzione temporanea.

Luna ha raggiunto un accordo con tutti i creditore del giornale per vincolare una parte dei loro crediti insoluti al risultato della causa intentata per incassare i contributi statali degli anni passati. Il giornale ripartirà con una redazione ridotta a nove giornalisti contro i tredici del marzo scorso e sempre con Stefano Pacifici nel ruolo del direttore editoriale. Anche l'impaginazione sarà diversa, sarà nuova la veste grafica e il quotidiano sarà di dodici pagine anziché sedici. Si ripartirà sempre con slogan che "la Roma si ama e quando serve si discute". Saranno felici i tifosi giallorossi.

Ecco la mail inviata ai lettore dal direttore Stefano Pacifici:

Nell'ultimo numero lo avevamo promesso: arriverà un giorno, uguale e contrario a quel 1 marzo ultimo numero del "Romanista", nel quale ci faremo quattro risate, invece di commuoverci. Bene, quel giorno è finalmente arrivato. Da venerdì "Il Romanista" in qualche modo rinascerà per la seconda volta, tornando in edicola nella veste di prima. Con una veste grafica nuova, contenuti più "alti" per far sentire la nostra voce, come la pensiamo, che opinione abbiamo. In qualche modo saremo uguali a prima e allo stesso tempo diversi da prima, con l'idea che la Roma si ama e quando serve si discute.


Molto, di tutto questo, lo si deve alla grinta di chi non ha mollato, nonostante le avversità dovute al mancato sblocco di una parte dei contributi ai quali pensiamo di aver diritto. E' una storia che sta andando avanti, e quando finirà ve ne renderemo conto. Ma moltissimo dipende anche dalla vicinanza dei lettori, che in questi mesi non è mai mancata, e della quale vi ringrazio veramente di cuore. Lo testimonia la pagina della posta, una di quelle cui teniamo di più, che è rimasta anche se in versione virtuale sul Web. Di mail ne sono arrivate ugualmente a migliaia, il sito è rimasto sempre attivo, chi ci amava ha aspettato a lungo questo momento. Ora chi andava solamente in edicola, ritroverà il giornale di prima. Chi si collegava e leggeva via internet, ritroverà anche il giornale via Web.

Gli abbonamenti in essere al momento della sospensione, naturalmente, verranno prorogati per tutta la durata della stessa. Come avevamo promesso.
Dunque, grazie a chi ci ha creduto, a chi ha aspettato, a tutti. E appuntamento a venerdì. In edicola.

Stefano Pacifici

  • shares
  • Mail