Donadoni rischia, pronto Delio Rossi. Ufficiale: Marino lascia Napoli

Sempre a rischio il posto di Roberto Donadoni nonostante la vittoria casalinga di ieri contro il Siena. Il presidente dopo aver scaricato il direttore generale Marino in diretta Tv, potrebbe prendere la decisione di mandare via anche il suo allenatore. Un’eventuale esonero dell’allenatore non si potrebbe certo considerare una sorpresa viste la parole che due


Sempre a rischio il posto di Roberto Donadoni nonostante la vittoria casalinga di ieri contro il Siena. Il presidente dopo aver scaricato il direttore generale Marino in diretta Tv, potrebbe prendere la decisione di mandare via anche il suo allenatore. Un’eventuale esonero dell’allenatore non si potrebbe certo considerare una sorpresa viste la parole che due giorni fa gli aveva dedicato: «La scelta di ingaggiare Donadoni è frutto della casualità momentanea e di un ragionamento poco obiettivo. Dovevamo dare un segnale importante in un momento difficile. L’esonero di Reja faceva parte di un percorso ma se tornassi indietro non lo rifarei. Reja è stato un grande professionista ed un grande amico».

Queste parole sono state in qualche modo smentite dallo stesso presidente napoletano proprio ieri allo stadio, quando ha difeso Donadoni dalla critica affinché possa lavorare serenamente. L’allenatore partenopeo non potrà comunque dormire sogni tranquilli visto che De laurentiis dimostra di cambiare molto velocemente idea, in special modo considerando che solo sabato, alla vigilia della partita di ieri, aveva dichiarato che Marino non rischiava il posto: «Marino non rischia, il suo lavoro lo porta a rischiare sempre, anche io quando faccio un film rischio. Se indoviniamo continuiamo, quando si sbaglia ci si fa da parte con grande signorilità».

Vista la facilità con cui cambia idea De laurentiis, Delio Rossi può quindi sperare seriamente di ripartire da Napoli sostituendo in corsa Donadoni. Per mantenere il suo attuale ruolo l’ex ct dell’Italia, dovrà portare a casa soprattutto i risultati che ancora non sono arrivati e che la presidenza vuole fortemente. Nella giornata di oggi si è chiuso ufficialmente il rapporto di lavoro tra il Napoli e Marino dopo un incontro di tre ore nella sede della Filmauro a Roma. Sempre in pole position il nome di Roberto Zanzi che però non ha confermato l’esistenza di una trattativa Questo il comunicato ufficiale della società partenopea:

«Pierpaolo Marino ed Aurelio De Laurentiis si sono incontrati oggi nella sede della Filmauro, in via XXIV maggio a Roma e sono pervenuti alla comune determinazione di non compromettere il positivo lavoro complessivamente svolto insieme negli ultimi cinque anni. Hanno valutato e ripercorso tutte le difficoltà che si sono dovute affrontare dal giorno della nascitadi un Club che esisteva soltanto nelle idee per arrivare ad una realtà di fatti concreti che ha segnatoun quinquennio di risultati importanti, percorrendo un cammino costellato anche da momenti di esaltazione. Il tutto reso possibile attraverso grandi sforzi e sacrifici in un contesto assai difficile e complicato. Aurelio De Laurentiis e Pierpaolo Marino hanno compreso che ad un certo punto del cammino la“mission” era stata felicemente compiuta portando a conclusione la prima parte di un progetto di rinascita. Ora il progetto ha bisogno di una seconda fase “innovativa” anche sul piano delle risorse
umane. Pierpaolo Marino, che ha a cuore Napoli ed il destino del Napoli, e che si è sempre considerato amico, oltre che collaboratore della famiglia De Laurentiis, ha, congiuntamente con il Presidente, deciso di risolvere consensualmente il rapporto professionale fino ad oggi intercorso. Aurelio De Laurentiis conferma nei confronti di Pierpaolo Marino una stima sincera che prescinde dalla collaborazione professionale, cosciente e grato del lavoro, difficile e faticoso, svolto in questi anni di ricostruzione».

I Video di Calcioblog