Albinoleffe: via Madonna, panchina a Mondonico


Niente da fare, non sono bastati i 4 punti nelle ultime due giornate, Armando Madonna è stato sollevato dall'incarico di allenatore dell'Albinoleffe; rapporto, quello tra Madonna e il presidente Andreoletti che si diceva incrinato da qualche settimana e tante sono state le voci che dietro quell'Erasmo che scrive su albinoleffenews.com (costola del sito ufficiale dei seriani in cui spesso questo "Erasmo" ha attaccato l'ormai ex tecnico) ci fosse proprio il presidente. Torna Emiliano Mondonico, uno che a 62 anni ha ancora l'entusiasmo del ragazzino e che dopo l'esperienza alla Cremonese ritorna dove già era stato dal 2005 al 2007.

"Non credo sia un caso se mi richiamano anche anni dopo: è la costante della mia carriera. Io comunque non ho mai avuto intenzione di smettere, anche se ho i miei salami di cui occuparmi" ha detto simpaticamente il "Mondo", che ha svelato come sono andate le cose col presidente della squadra bergamasca: "Bergamo è la mia seconda patria, sono legato al presidente Andreoletti che mi ha chiamato lunedì a mezzogiorno. L'ho invitato in cascina, stavo preparando la pastasciutta con mia moglie. Ci siamo parlati e alla fine non sapevo neppure quale cifra avrei percepito. Ovviamente il contratto scadrà a fine stagione, poi vedremo". Finita l'avventura con la Cremonese, il trainer di Rivolta d'Adda non era stato comunque fermo.

"Non sono mai stato fermo nemmeno quando ho chiuso con la Cremonese, che rimarrà sempre il mio primo amore. Sono l'allenatore della squadra dei nomadi, anche se li vedo raramente perché girano per il mondo e quando li becco perdiamo sempre, e mi occupo a tempo perso anche delle squadre dei ragazzini di un oratorio di Lodi. Lì ho convinto i padri a venire al campetto ad insegnare ai loro figli a giocare a pallone" ha svelato l'ex allenatore, tra le alte, di Atalanta, Torino e Fiorentina. Da oggi però è ora di fare di nuovo sul serio: l'Albinoleffe andrà fino a Trieste sabato prossimo, per Mondonico un debutto, l'ennesimo, non proprio morbido.

  • shares
  • Mail