Le prime parole da napoletano di Walter Mazzarri


Il successore di Roberto Donadoni, l'ex sampdoriano Walter Mazzarri, è stato presentato oggi insieme al nuovo direttore sportivo Riccardo Bigon. La conferenza stampa non comincia nel migliore dei modi con una gaffe di De Laurentiis che richiede una pronta puntualizzazione da parte del neo allenatore. In pratica il patron del Napoli racconta di aver cercato Mazzarri già un anno e mezzo fa trovando però l'opposizione ferma della Sampdoria, l'allenatore però grazie a questo corteggiamento sarebbe riuscito a strappare un aumento di contratto al presidente doriano Garrone. Come detto il tecnico ha smentito seccamente dichiarandosi una persona corretta non abituato a questo tipo di comportamenti, De Laurentiis ha insistito proponendo di chiamare Marotta, poi di fronte all'imbarazzo generale l'argomento è stato chiuso con una risata.

Le prime parole di Mazzarri da allenatore del Napoli sono cariche di entusiasmo ma anche di prudenza, niente promesse strabilianti insomma ma la garanzia del massimo impegno. L'allenatore si è detto soddisfatto della rosa a sua disposizione: "Sulla carta è la rosa più forte che ho allenato, sono convinto anche per le mie precedenti esperienze che possiamo giocarcela con tutti. Il modulo? Posso insegnare ogni tipo di modulo, guarderò in base alla rosa attuale qual è l'atteggiamento tattico ideale". Ovvie anche le dichiarazioni di stima per la città e la tifoseria napoletana il cui calore sarà un'arma in più per raggiungere importanti traguardi.

Mazzarri sente di fare soltanto una promessa e cioè che si impegnerà affinché tutti diano il massimo dell'impegno, per quanto riguarda i risultati invece mostra una maggiore prudenza: "L'ho detto anche al presidente, prima di parlare un allenatore deve saggiare la squadra, sentire tutti i giorni i giocatori per capire dove si può arrivare e dare anche indicazioni alla società. La differenza in questo calcio così equilibrato la può fare solo il lavoro''. Si sbilancia un po' di più De Laurentiis che invece parla di un Napoli stabilmente fra le prime quattro forze in campionato nell'arco dei prossimi cinque anni, ma conferma che per quest'anno l'obiettivo sarà la conquista di un posto in Europa League.

Sempre parlando della rivoluzione in atto nel club è stata annunciata per venerdì la presentazione di Gianpaolo Montali come direttore dell'area tecnica. Il nuovo allenatore si metterà al lavoro già nella giornata di oggi, riprendono infatti gli allenamenti dopo i due giorni di riposo concessi. Il gruppo sarà orfano dei convocati nelle varie nazionali ma il resto dei giocatori sarà agli ordini di Mazzarri per preparare nel migliore dei modi la prossima sfida che vedrà il Napoli impegnato al San Paolo contro il Bologna il prossimo 18 ottobre.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: