Roma, si pensa già al mercato di gennaio: in arrivo uno fra Toni e Van Nistelrooy?


L'attacco non è malvagio, semmai è la difesa a preoccupare: 19 gol subiti e seconda peggior retroguardia della Serie A. Eppure alla vigilia del posticipo di domani sera, interessante partita tra il miglior attacco, quello dell'Inter, e una squadra dal rendimento altalenante, la Roma, si parla del mercato delle punte. Ranieri vuole la partita perfetta, i tifosi si accontenterebbero di poter abbracciare nel prossimo futuro nuovi campioni dopo un mercato estivo soporifero e un avvio di campionato che dir caotico è forse poco tra sconfitte, cambi di allenatore e vittorie alla spicciolata. La dirigenza vuole puntellare la squadra, ma più che per la difesa si cerca il colpaccio nel reparto avanzato: i nomi fatti sono due ed entrambi risultano suggestivi anche se non manderebbero i supporters giallorossi in brodo di giuggiole.

Il primo è Ruud Van Nistelrooy: infortuni e una politica galactica del nuovo Real Madrid di Florentino Perez lo hanno relegato ai margini; il centravanti olandese sta tornando a fare un pensierino alla Nazionale per i prossimi mondiali e finalmente gli acciacchi sono un ricordo. Dopo il rifiuto di qualche mese fa (Real e Roma si erano accordate, ma il giocatore rifiutò il trasferimento nella capitale italiana), a gennaio potrebbe essere tutta un'altra storia: "A gennaio si può trattare, valuteremo le offerte e vedremo cosa il Real Madrid avrà intenzione di fare. È una questione di continuità per ritrovare la forma. Ora finalmente mi sento bene, sia fisicamente sia psicologicamente" ha dichiarato a un tabloid inglese il puntero orange, nel mirino anche di Tottenham e Arsenal.

Prerogativa necessaria per poter essere obiettivo della Roma è arrivare in prestito; in questo senso la cosa si può fare visti i buoni rapporti tra Perez e la famiglia Sensi e, non di secondaria importanza, dato l'ingaggio per buona parte già pagato dal club madrileno. Perciò appare più difficile, ma solo da questo punto di vista, l'approdo sulle sponde del Tevere di Luca Toni: il giocatore è in rotta col Bayern Monaco e con Luis Van Gaal, ma la società bavarese non vuole mollarlo in prestito. Francesco Totti lo chiama e lo spinge a vestire giallorosso, Rummenigge nicchia, non disposto soprattutto a dividere l'alto ingaggio. Se poi la Roma inserisse qualche pedina di scambio: Baptista e Cicinho gli indiziati numero uno a lasciare l'Italia?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: