Carlos Queiroz rispetta la sua promessa: Cristiano Ronaldo convocato per le sfide spareggio con la Bosnia

Alla fine Carlos Queiroz ha attuato la sua minaccia, nella lista dei 23 che affronteranno la Bosnia nel doppio spareggio per accedere ai prossimi mondiali c’è anche Cristiano Ronaldo. L’attaccante del Real Madrid è lontano dai campi di gioco da più di un mese, problemi alla caviglia per lui, nonostante questo il selezionatore portoghese è


Alla fine Carlos Queiroz ha attuato la sua minaccia, nella lista dei 23 che affronteranno la Bosnia nel doppio spareggio per accedere ai prossimi mondiali c’è anche Cristiano Ronaldo. L’attaccante del Real Madrid è lontano dai campi di gioco da più di un mese, problemi alla caviglia per lui, nonostante questo il selezionatore portoghese è convinto che il campione possa essere utile alla causa lusitana e conta di poterlo schierare anche se per pochi minuti.

Negli scorsi giorni il Real Madrid aveva manifestato molto fastidio rispetto a questa vicenda, lo staff medico madridista aveva espresso la sua contrarietà ad un impiego del giocatore in tempi brevi, a loro conforto anche il parere dell’illustre specialista olandese Van Dijk. Il giocatore doveva stare a riposo ancora un paio di settimane per poi poter valutare lo stato della lesione alla caviglia, ma il Portogallo non vuole aspettare e anche il presidente Gilberto Mandail ha appoggiato la causa di Queiroz.

Alla base di questa storia c’è una fondamentale mancanza di fiducia dei portoghesi nelle indicazioni a proposito della salute di Ronaldo che arrivano dalla Spagna. Più verosimilmente quindi la convocazione del giocatore serve ad esercitare il diritto della nazionale a sottoporre il pallone d’oro ad una visita da parte del proprio staff sanitario il quale poi potrà decidere se Cristiano Ronaldo potrà o meno scendere in campo.

Al Real Madrid ritengono questa noncuranza per lo stato di salute di Ronaldo un barbaria e nei giorni scorsi avevano anche minacciato di rivolgersi direttamente alla Fifa pur di tutelare quello che nei mesi scorsi è stato il più importante acquisto di tutta la storia del calcio. Il risentimento dei blancos è giustificato anche dal fatto che l’infortunio dell’attaccante è arrivato proprio mentre vestiva la maglia della nazionale, anche in quel caso Queiroz aveva schierato il giocatore nonostante non fosse in ottima condizione in seguito ad una botta rimediata in Champions League da Diawara nella partita contro il Marsiglia. La partita con l’Ungheria aveva provocato la ricaduta che poi lo ha costretto al lungo stop.