Domenech fa imbufalire gli irlandesi: "L'Irlanda? E' una seconda squadra dell'Inghilterra"


A poche ore dal primo atto che deciderà chi tra Irlanda e Francia staccherà il pass per Sudafrica 2010 l'atmosfera comincia a surriscaldarsi. Il bizzarro Domenech, dopo aver "chiesto consigli" a Lippi riguardo alla nazionale irlandese allenata da Giovanni Trapattoni, passa all'attacco e affila le armi della provocazione a distanza. "L'Irlanda? E' la seconda squadra dell’Inghilterra", ha sentenziato maldestramente il tecnico francese.

Una frase che trasuda ignoranza e scarso rispetto per la storia della nazione irlandese al punto tale da far reagire veementemente la parte tirata in causa da Domenech. La federazione transalpina ha cercato di raffreddare gli animi, parlando di "traduzione sbagliata" delle esternazioni del tecnico, che avrebbe indicato l’Irlanda simile alla nazionale di Capello puramente per il gioco espresso.

Richard Dunne, capitano dell'Irlanda dice che "Raymond Domenech è un 'tecnico sventurato' che può pregiudicare la qualificazione della Francia. La guida di Domenech può essere il loro punto di debolezza o una cortina di fumo. Alla vigilia di ogni torneo la Francia ha sempre una rosa ricca di campioni e poi arriva un uomo che scompiglia tutto. Se riusciamo a passare in vantaggio, probabilmente la Francia non ha un tecnico in grado di raddrizzare la partita".

Ancor più dure le dichiarazioni di Tony Cascarino, uno dei migliori attaccanti irlandesi degli anni '80 e '90: "Domenech è folle, da questo punto di vista abbiamo certamente un vantaggio. E' capace di prendere decisioni talmente incomprensibili da ribaltare le sorti di una partita. Il nostro Trapattoni è certamente migliore". Il Trap predica calma e moderato ottimismo: "La Francia ha giocatori straordinari, ma questo non basta questo nel calcio. Il calcio è me contro di te. C’è solo una palla in campo, non cinque. Quando tu hai la palla, devo prenderla. Quando l’ho presa, devo giocare".

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: