Mandorlini riparte dalla Romania: è il nuovo allenatore del Cluj

Il Cluj, squadra rumena che l’anno scorso fece anche il suo esordio in Champions League (battendo tra l’altro la Roma all’Olimpico), nonostante sia prima in classifica nel campionato nazionale con 25 punti in 13 incontri, ha deciso di sollevare dall’incarico il proprio allenatore, il portoghese Antonio Oliveira. Domani alle 12 e 30 verrà presentato, nella


Il Cluj, squadra rumena che l’anno scorso fece anche il suo esordio in Champions League (battendo tra l’altro la Roma all’Olimpico), nonostante sia prima in classifica nel campionato nazionale con 25 punti in 13 incontri, ha deciso di sollevare dall’incarico il proprio allenatore, il portoghese Antonio Oliveira. Domani alle 12 e 30 verrà presentato, nella città della Transilvania, il suo sostituto che il presidente del club ha assicurato avere un nome italiano: è Andrea Mandorlini, ex giocatore dell’Inter che da allenatore ha fatto esperienza in Serie A con Atalanta e Siena e che l’anno passato ha ben condotto il Sassuolo nel suo primo campionato di Serie B.

Manca l’ufficialità circa il suo nome, ma Iuliu Muresan ha confermato che a guidare la sua squadra sarà l’italiano. D’altra parte il connubio tra tecnici del nostro Paese e il Cluj è qualcosa di consolidato: prima di Mandorlini, i granata sono stati allenati da Cristiano Bergodi e Maurizio Trombetta. L’ormai ex allenatore della squadra, Oliveira per l’appunto, era arrivato ad aprile e dopo poco più di sei mesi ha rescisso consensualmente il contratto per divergenze con i dirigenti. Ora tocca a Mandorlini che esordirà già mercoledì in una gara di coppa di Lega, mentre domani dovrebbe conoscere i suoi giocatori e dirigere il primo allenamento.

Confermo questa proposta, sto valutando se fare questa esperienza o meno. Posso solo dire che non credo di esser già da domani su questa panchina, è ancora una possibilità remota. Se non sono convinto? Mi affascina fare un’esperienza all’estero, però quando arriva la proposta non dico che sei scettico, ma almeno sorpreso. Ora rifletterò con calma e deciderò cosa fare” diceva solo tre giorni fa il tecnico ravennate che dopo aver girato a lungo in Italia (oltre alle già citate squadre ha allenato anche Vicenza e Bologna, Padova e Spezia), ora si metterà alla prova col calcio che ha lanciato Walter Zenga. Evidentemente si è convinto in 48 ore, per cui… in bocca al lupo!