Tevez è stufo del calcio: “Vinco il mondiale e poi smetto”

Sei un calciatore di quasi 26 anni che ha giocato in tre dei club più prestigiosi del mondo, che ha vinto quattordici trofei tra club e nazionale e che risente dello stress del proprio mestiere più degli altri: che ti salta in mente? Smetti di giocare. E’ quanto dichiarato da Carlitos Tevez, attaccante del Manchester


Sei un calciatore di quasi 26 anni che ha giocato in tre dei club più prestigiosi del mondo, che ha vinto quattordici trofei tra club e nazionale e che risente dello stress del proprio mestiere più degli altri: che ti salta in mente? Smetti di giocare. E’ quanto dichiarato da Carlitos Tevez, attaccante del Manchester City (con cui ha un contratto fino al 2014) che dopo aver vinto praticamente tutto con le maglie di Boca Juniors, Corinthians e Manchester United, inizia ad essere stanco. E neanche ventiseienne pensa già al ritiro: “Ho un contratto con il City per altri cinque anni, ma se l’Argentina dovesse vincere i Mondiali potrei anche smettere con il calcio. Sono stufo di questo mondo, ho già vinto molto e ho voglia di godermi un po’ la mia famiglia e le cose belle della vita. Sono davvero esausto” ha dichiarato l’argentino al quotidiano del suo Paese, “Olè“.

Ambizioso il ragazzo, ma per vincere i Mondiali occorre che Maradona lo convochi. E un posto nella selezione albiceleste pare garantito a pochissimi: “Ho avuto le mie chance e non me le sono sapute giocare bene. Con Maradona è così: le scelte le fa lui e nessuno ha il posto assicurato. Alcuni tifosi mi hanno contestato in modo duro, ma io spero di andare al Mondiale, ci tengo tantissimo: farò tutto il possibile“. Il primo amore, quello però Tevez non lo dimentica: “Se proprio continuo ho ancora voglia di giocare nel Boca Juniors“. Certo è che Tevez è risultato un po’ appannato in questo avvio di stagione, questa sua uscita non farà felice gli appassionati tifosi dei Citizens che da lui si aspettano grandi cose. E per tanto tempo.