Under 21, Lussemburgo-Italia 0-4: vittoria che fa morale, ma l’Europeo è ancora lontano

Si ridesta l’Italia di Pierluigi Casiraghi dopo le battute di arresto che, finora, l’hanno relegata al terzo posto del gruppo 3 di qualificazione per l’europeo under 21. Ma è un risveglio parziale su cui contarci troppo sarebbe errato: l’avversario, il Lussemburgo, ha opposto una flebile resistenza e non è certamente un buon banco di prova

di antonio


Si ridesta l’Italia di Pierluigi Casiraghi dopo le battute di arresto che, finora, l’hanno relegata al terzo posto del gruppo 3 di qualificazione per l’europeo under 21. Ma è un risveglio parziale su cui contarci troppo sarebbe errato: l’avversario, il Lussemburgo, ha opposto una flebile resistenza e non è certamente un buon banco di prova per valutare la reale consistenza della formazione italiana. D’altronde la classifica è ancora impietosa: l’Italia è terza in classifica a quota sette, dietro Ungheria (9) e Galles (13).
(Tabellino, classifica e risultati gruppo 3)

Di Barillà, al 37esimo, il goal che sblocca la partita con un preciso interno sinistro. Soriano al 68esimo raddoppia raccogliendo una respinta della difesa lussemburghese, mentre il 3-0 lo realizza ancora Barillà al 77esimo. Chiude le marcature Poli, cinque minuti dopo, con un colpo di testa vincente. Casiraghi mostra ottimismo a fine partita:

“I ragazzi hanno fatto bene, un’ottima partita. Eravamo un po’ in difficoltà per delle assenze importanti ma come sempre succede chi va in campo, anche se non ha grande nome, fa molto bene. Sono felice per loro, hanno fatto bene nonostante la paura iniziale, che era normale. Abbiamo dominato la partita, resta il rammarico per la gara con l’Ungheria, ma andiamo avanti per la nostra strada. Abbiamo fatto 4 gol, è la prima volta che riusciamo a segnare tanto. E’ una bella iniezione di fiducia, ci voleva e ora guardiamo avanti, partita per partita”.

IL TABELLINO
LUSSEMBURGO-ITALIA 0-4

Lussemburgo (4-2-3-1): Heil; Laterza, Scholer (27′ st Janisch), Pedro, Kettenmeyer; Siebenaler, Gerson (1′ st Kitenge); May, Martino, Twimumu (15′ st Albanese); Bettmer. All. Holtz (A disposizione: Hahm, Moreira, Geisbusch, Alunni)
Italia (4-4-2): Mannone; De Silvestri, Ariaudo, Ogbonna, Santon; Schelotto (26′ st Mustacchio), Bolzoni, Marrone (28′ pt Soriano), Barillà; Okaka (34′ st Marilungo), Borini. All. Casiraghi (A disposizione: Fiorillo, Angella, Renzetti, Macheda)
Arbitro: Vejlgaard (Dan)
Marcatori: 37′ pt e 32′ st Barillà, 23′ st Soriano, 38′ st Marilungo
Ammoniti: Barillà (I), Scholer (L), Laterza (L), Pedro (L)