Maicon e Branca nello spogliatoio dell’arbitro Rosetti dopo Bologna – Inter

Aspettando la decisione del giudice sportivo che stabilirà quante giornate di squalifica assegnare al terzino dell’Inter Maicon, lo stesso calciatore ha rilasciato un’intervista nella quale ha rivelato una cosa piuttosto insolita. Subito dopo Bologna – Inter nel corso della quale è stato espulso per aver insultato l’assistente Ayroldi, il brasiliano ha raccontato di essersi recato


Aspettando la decisione del giudice sportivo che stabilirà quante giornate di squalifica assegnare al terzino dell’Inter Maicon, lo stesso calciatore ha rilasciato un’intervista nella quale ha rivelato una cosa piuttosto insolita. Subito dopo Bologna – Inter nel corso della quale è stato espulso per aver insultato l’assistente Ayroldi, il brasiliano ha raccontato di essersi recato nello spogliatoio dei direttori di gara per chiarirsi con loro: “Sono sta­to nello spogliatoio dell’arbitro accompagnato dal mio direttore tecnico (Marco Branca n.d.r.) e non per scusarmi con il guarda­linee. Volevo solo salutarlo e ri­badire che non avevo offeso nessuno. Ho detto due volte ‘Vai tu’, perché Ayroldi per due volte mi aveva invitato ad anda­re via io. Questo è successo e questo ho ripetuto nello spo­gliatoio dell’arbitro. Io non so­no un maleducato“.

Il fatto che Maicon abbia o meno insultato il guardalinee a questo punto passa in secondo piano perché è cosa molto sconveniente, in modo particolare dopo le vicende di Calciopoli, che dirigenti e giocatori si confrontino con i direttori di gara prima e dopo la partita. Con questo comportamento si può generare, per dirne una, il sospetto di aver voluto influenzare la terna nella compilazione del referto arbitrale, documento decisivo per stabilire quale dovrà essere la punizione disciplinare. A parziale discolpa di Maicon si può dire che rivedendo il filmato dell’episodio si ha l’impressione, nel limite del possibile visto che l’immagine non è frontale, che la sua versione dei fatti sia veritiera e che si sia trattato solo di un malinteso.

Il Video con il labiale dell’espulsione di Maicon


Le Foto dell\’Espulsione di Maicon

Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon

A Confermare il racconto del calciatore ci ha pensato lo stesso direttore tecnico dell’Inter Marco Branca: “Sono sceso negli spogliatoi piuttosto seccato, pronto a fare una bella ramanzina a Maicon, ma il ragazzo mi ha spiegato subito il tutto. All’assistente Ayroldi avrebbe solo detto ‘vai tu’, due volte, nient’altro. A quel punto l’ho portato nello spogliatoio dell’arbitro Rosetti e ho chiarito alla terna arbitrale che credevo nella sua totale buona fede. Mi interessava però che emergesse la verità“.

Se si accusava Luciano Moggi di avere rapporti fuori luogo con i direttori di gara e di entrare nei loro spogliatoi con un eccessiva disinvoltura qualora volesse confrontarsi con loro, sarebbe il caso di avere una condotta differente. Maicon non andrebbe squalificato per l’espulsione ricevuta in campo, ma per la successiva visita nello spogliatoio di Rosetti accompagnato da Marco Branca che meriterebbe anche lui quantomeno un deferimento. Lo stesso discorso vale per Rosetti e suoi collaboratori nel caso non avessero annotato la visita fuori programma nel referto arbitrale.

Le Foto dell\’Espulsione di Maicon

Le Foto dell'Espulsione di Maicon

Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon
Le Foto dell'Espulsione di Maicon