È rottura defintiva tra la Lazio e Ledesma, chiesta la rescissione del contratto

Dopo Goran Pandev anche Cristian Ledesma arriva alla rottura definitiva con Claudio Lotito e la sua Lazio. Pensare che in questi ultimi giorni sembrava vicino il reintegro in rosa del giocatore, il suo procuratore D’Ippolito aveva incontrato Tare e sembrava che ormai l’intesa fosse a portata di mano poi lo strappo improvviso e irricucibile. Questa


Dopo Goran Pandev anche Cristian Ledesma arriva alla rottura definitiva con Claudio Lotito e la sua Lazio. Pensare che in questi ultimi giorni sembrava vicino il reintegro in rosa del giocatore, il suo procuratore D’Ippolito aveva incontrato Tare e sembrava che ormai l’intesa fosse a portata di mano poi lo strappo improvviso e irricucibile. Questa mattina il giocatore ha chiesto la rescissione del suo contratto e un risarcimento danni pari a 1,7 milioni di euro. Il presidente biancoceleste pretendeva dall’argentino una lettera ufficiale di scuse, sull’esempio di Stendardo rientrato in gruppo la settimana scorsa.

Ledesma non si sente minimamente dalla parte del torto, da qui il suo rifiuto di presentare le scuse. Il suo procuratore ha spiegato così la vicenda chiarendo i dettagli degli eventi che hanno contraddistinto questi ultimi giorni: “Era disposto ad essere reintegrato in rosa anche senza sottoscrivere il rinnovo del contratto. Ma, quando il presidente ha preteso le scuse, il ragazzo, non ravvisando alcun motivo anche piccolo per farlo, ha deciso di far partire il ricorso. Lo ha fatto per una questione di dignità personale e professionale. Lui spera davvero in un reintegro, ma non nel modo farsesco in cui è stato fatto saltuariamente negli ultimi mesi, durante i quali non ha mai avuto un rapporto con l’allenatore”.

Ricordiamo che quest’estate il centrocampista argentino aveva raggiunto un accordo con la Lazio per il rinnovo del suo contratto, l’unica clausola richiesta era quella che obbligava la società a cederlo in caso di offerta superiore ai 15 milioni di euro da parte di una società importante. Ciò nonostante Ledesma ha rifiutato offerte da parte di squadre come Fiorentina, Genoa e Udinese. D’Ippolito però denuncia la scomparsa di questo contratto e il successivo arenamento della trattativa che ha condotto fino ad oggi.

Sinceramente la gestione della Lazio da parte di Lotito in questi ultimi tempi appare abbastanza incomprensibile e sicuramente controproducente. I biancocelesti non stanno vivendo una stagione esaltante e gente come Ledesma e Pandev sicuramente avrebbero fatto comodo, ora il loro destino sembra lontano dalla capitale con il macedone molto vicino all’Inter e l’argentino sulla rotta di Palermo.