Moratti: “Balotelli si deve abituare a delle regole, resta con noi”

Nonostante i problemi disciplinari Massimo Moratti è chiarissimo: Mario Balotelli non è sul mercato. La conferma era piuttosto scontata, d’altra parte il Presidente nerazzurro nel corso degli anni ha avuto sempre una certa pazienza nei confronti dei suoi giocatori più talentuosi. Su Super Mario Moratti ha intenzione di puntare anche per il futuro, sfruttando e

di


Nonostante i problemi disciplinari Massimo Moratti è chiarissimo: Mario Balotelli non è sul mercato. La conferma era piuttosto scontata, d’altra parte il Presidente nerazzurro nel corso degli anni ha avuto sempre una certa pazienza nei confronti dei suoi giocatori più talentuosi. Su Super Mario Moratti ha intenzione di puntare anche per il futuro, sfruttando e non vedendo come un handicap la durezza con la quale José Mourinho tratta le insubordinazioni del ragazzo. Ultima in ordine di tempo il ritardo all’allenamento che ha spinto lo Special One a mandare in tribuna Balotelli e a ripescare Quaresma per la gara interna poi vinta contro la Fiorentina.

Non è e non sarà sul mercato. Questo in assoluto. Non c’è niente di drammatico e non sono preoccupato. C’è qualcosa da aggiustare tra lui, l’allenatore e la squadra, ci vuole da parte sua continuità e abitudine a vivere con certe regole.

Archiviato così il presunto caso Balotelli e l’interesse dell’Arsenal per il ragazzo Moratti pensa già alla gara con la Juventus. Nell’accogliere l’invito a non alzare i toni di Blanc si presta a dare anche un suggerimento al rivale: quello di adottare il silenzio stampa dei giocatori per questa settimana. Materazzi, che era a Londra, gli è sfuggito, ma le sue parole sono decisamente concilianti.

C’è una reattività della Juve da aspettarsi. Sarà una partita bella e importante. Sui cori razzisti far finta di niente va oltre i doveri, la calma o l’opportunismo di tutti noi, ma non perché sia la Juve, ma perchè è gravemente razzista. Ma non credo succederà, non credo si arriverà a questo. Fare il silenzio stampa come noi aiuta a non creare problemi, a non inventarli. Comunque non c’è nessuna convenienza ad alzare i toni, sarà una partita bellissima all’altezza delle tradizioni