Doppia tegola per la Juve: Chiellini si ferma per 20 giorni, Buffon ha il menisco rotto

Nemmeno il tempo di festeggiare la vittoria di sabato con l’Inter e di guardare con rinnovata fiducia alla gara di domani in Champions League che arriva una doppia tegola per la Juventus. Si ferma per infortunio Giorgio Chiellini la colonna della difesa bianconera, l’unico a salvarsi anche nei momenti più bui. Il difensore livornese, il

di


Nemmeno il tempo di festeggiare la vittoria di sabato con l’Inter e di guardare con rinnovata fiducia alla gara di domani in Champions League che arriva una doppia tegola per la Juventus. Si ferma per infortunio Giorgio Chiellini la colonna della difesa bianconera, l’unico a salvarsi anche nei momenti più bui. Il difensore livornese, il solo italiano inserito nella lista dei potenziali top 11 stilata dall’Uefa, dovrà saltare non soltanto la gara di domani contro il Bayern Monaco (decisiva per la qualificazione agli ottavi di Champions), ma rischia di tornare a disposizione solo a gennaio vista la prognosi di 20 giorni per la “distrazione di primo grado del bicipite femorale di destra” che gli è stata diagnosticata.

Altro problema è quello di Gigi Buffon, un problema venuto fuori nel pomeriggio. Il portiere, come noto, stava aspettando la gara con l’Inter per operarsi al menisco, ma dopo la sconfitta di Bordeaux aveva deciso di stringere i denti ancora per 3 giorni scendendo in campo anche domani. Potrebbe non averne la possibilità: il riacutizzarsi del dolore al ginocchio ha consigliato una risonanza magnetica nella quale è stata evidenziata la rottura del menisco laterale.

A questo punto Buffon potrebbe giocare con un tutore, ma la decisione sarà presa soltanto domani, l’alternativa più credibile è un’operazione da programmare in ogni caso per mercoledì o giovedì. Al suo posto è pronto Alex Manninger, il portiere di riserva austriaco dovrà rimanere fra i pali della Juventus almeno fino al termine della pausa natalizia.

I Video di Blogo

Video, Olbia-Monza, Berlusconi ai tifosi: “Scusate, vi devo salutare perché devo andare a [email protected]