Liverpool – Fiorentina 1-2: impresa viola ad Anfield, Gilardino nella storia

Dieci anni dopo l’impresa di Wembley contro l’Arsenal (0-1 della Fiorentina, gol di Batistuta), i viola si ripetono in terra d’Albione: tra fallimenti, Serie C2 e una lenta risalita, in due lustri sono cambiate tante cose. Tante, non tutte: è rimasta la passione dei tifosi fiorentini, calorosissimi nel Merseyside, la grinta della viola, la presenza


Dieci anni dopo l’impresa di Wembley contro l’Arsenal (0-1 della Fiorentina, gol di Batistuta), i viola si ripetono in terra d’Albione: tra fallimenti, Serie C2 e una lenta risalita, in due lustri sono cambiate tante cose. Tante, non tutte: è rimasta la passione dei tifosi fiorentini, calorosissimi nel Merseyside, la grinta della viola, la presenza di un bomber assoluto. A fine millennio c’era Gabriel Omar Batistuta, dopo un anno e mezzo in Toscana Alberto Gilardino ha già raggiunto l’argentino in quanto a gol europei con la maglia della Fiorentina. Dieci centri, stasera assist per la rete del pari di Jorgensen e poi piattone del definitivo 1-2 al 92°, il centravanti di Biella è maturo più che mai. E con lui la Fiorentina, capace di fare la propria partita a Liverpool e di rimontare il gol di Benayoun.

Eppure nella prima frazione i ragazzi di Cesare Prandelli, un nugolo di giocatori spesso relegati in panchina ma che stasera hanno giocato una partita commovente, non meritavano di andare sotto: De Silvestri e Montolivo mettono più di un brivido a Cavalieri (qui le foto della bella moglie Daniela), portiere brasiliano da due anni in Inghilterra dopo tanti anni al Palmeiras.; ma in generale tutta la Fiorentina gira bene, nonostante Benitez non avesse risparmiato nessuno mandando al diavolo il turn-over. Anche Aquilani in campo, titolare in una partita ufficiale dopo un anno, ma tutte le belle cose fatte vedere dagli ospiti nel primo tempo non portano a niente. Anzi, Benayoun gela Frey: punizione di Gerrard, cross e spizzata di testa dell’israeliano su cui nulla può il portiere francese.

Le foto di Liverpool – Fiorentina 1-2 del 9 dicembre 2009


Le foto di Liverpool - Fiorentina 1-2 del 9 dicembre 2009
Le foto di Liverpool - Fiorentina 1-2 del 9 dicembre 2009
Le foto di Liverpool - Fiorentina 1-2 del 9 dicembre 2009
Le foto di Liverpool - Fiorentina 1-2 del 9 dicembre 2009

Finisce il tempo con un colpo di testa molto pericoloso di Natali, nella ripresa la viola non si scompone e poco prima del ventesimo trova il pari: è il capitano Martin Jorgensen, al suo primo centro in carriera in Champions, che con un tiro chirurgico spedisce alle spalle di Cavalieri. Entra Torres, i Reds a questo punto per l’orgoglio e per l’onore vogliono i tre punti, Prandelli risponde con l’inserimento dei due esterni terribili, Vargas e Marchionni. La gara è vibrante, il Liverpool assedia gli ospiti con Gerrard e Torres, vicini al gol anche Dossena e il giovanissimo Pacheco. Ma sul finale la Fiorentina alleggerisce la pressione, alza la testa con un paio di occasioni e al 92° effettua la stoccata vincente: se ne va Vargas, palla in mezzo e piattone perfetto del Gila. Il Liverpool non aveva mai perso due partite in casa di fila in Europa, la Fiorentina è prima come Real, Barcellona, Chelsea e Manchester!

LIVERPOOL-FIORENTINA 1-2 (1-0)
MARCATORI: Benayoun (L) al 43′ pt; Jorgensen (F) al 18′, Gilardino (F) al 47′ st.

LIVERPOOL (4-2-3-1): Cavalieri; Darby, Skrtel, Agger, Insua; Mascherano (40′ st Fabio Aurelio), Aquilani (31′ st Pacheco); Benayoun, Gerrard, Dossena; Kuyt (20′ st Torres). (Reina, Carragher, Spearing, Kyrgiakos). All.: Benitez.
FIORENTINA (4-2-3-1): Frey; Comotto, Natali, Kroldrup, Pasqual; Montolivo, Donadel; De Silvestri (38′ st Castillo), Santana (26′ st Marchionni), Jorgensen (26′ st Vargas); Gilardino. (Avramov, Seculin, Aya, Carraro). All.: Prandelli.

ARBITRO: Skomina (Slovenia).
NOTE: spettatori 40 mila circa. Ammoniti Montolivo e Gilardino. Angoli 9-7. Recuperi: 1′ e 3′.

Ultime notizie su Champions League

Tutto su Champions League →