Roberto Bettega torna alla Juve, sarà il braccio destro di Blanc

roberto bettega

Mancava soltanto l'ufficialità che è arrivata nella giornata di oggi, Roberto Bettega torna alla Juventus, per la quarta volta. In bianconero era arrivato per la prima volta piccolissimo, iniziando dai pulcini, in totale è sceso in campo per la Vecchia Signora 480 volte realizzando 178 reti che fanno di lui il terzo cannoniere di sempre alle spalle di Del Piero e Boniperti. Poi ha fatto parte della tanto odiata, ma altrettanto vincente, triade: con Giraudo e Moggi ha costruito quella squadra che negli anni novanta ha vinto tutto fino al ciclone calciopoli. Lo scandalo non lo travolse, tanto che dopo i mondiali, con la Juve in B, Bettega restò come consulente di mercato, ruolo ricoperto fino al maggio dell'anno successivo.

Roberto Bettega sarà il braccio destro di Jean Claude Blanc, il suo ruolo sarà quello di vice direttore generale. Sarà insomma l'uomo di sport che mancava nella società dopo gli addii di Tardelli e Montale. L'ex attaccante bianconero inizierà il suo lavoro già il prossimo 28 dicembre quando la squadra si riunirà prima di partire per Jeddah in Arabia Saudita. Il consiglio di amministrazione ha approvato il suo ingresso in società dopo aver superato non poche perplessità: si temeva che la sua figura fosse ancora troppo associabile a quella della società prima di calciopoli, poi però la sua esperienza, il fatto che le vicende giudiziarie non l'abbiano toccato e la sua profonda juventinità hanno fatto sì che fosse scelto all'unanimità.

Con le sue prime parole Bettega ha espresso soddisfazione per l'inizio di questa nuova avventura:

"Ho raccolto con entusiasmo la proposta di Blanc e comincerò subito a lavorare per la mia Juve. Ritrovo una società che conosco bene, Jean-Claude Blanc e colleghi con i quali ho condiviso esperienze importanti, persone che in questi anni sono cresciute e con le quali sono felice di collaborare. La fiducia nel lavoro fatto dalla società e nelle persone che la guidano mi dà la certezza che, con il contributo di tutti e con il sostegno dei tifosi, sapremo essere competitivi ai massimi livelli".

Anche il presidente, il francese Blanc, ha rilasciato dichiarazioni sulla stessa falsariga:

"Ho proposto a Bettega di entrare a far parte della nostra organizzazione per assumere la responsabilità di tutta l’area sportiva. Roberto è la figura giusta per ricoprire questo ruolo, perché è in grado di trasferire allo staff tecnico e alla direzione sportiva esperienza e autorevolezza, garantendo ulteriore solidità alle nostre ambizioni. Con il nuovo vicedirettore generale ho già avuto modo di collaborare con soddisfazione per quasi un anno: porta con sé la passione per il calcio e l’amore per una società di cui ha contribuito in modo determinante a scrivere la storia. Il suo ingresso, in una posizione di alta responsabilità e con deleghe operative, consolida il nostro staff dirigenziale, aggiungendo ulteriore competenza e forti motivazioni".

Bettega ha dimostrato di avere subito le idee chiare sul delicato momento che sta vivendo la società. Ha confermato la fiducia a Ferrara ma in maniera condizionata, il napoletano dovrà riscattarsi contro Parma e Milan, altrimenti il suo esonero potrebbe essere inevitabile. C'è chi poi vede a rischio la posizione di Alessio Secco, c'è chi vede il giovane direttore sportivo vicino all'addio alla Juventus, ma è lo stesso Bettega a smentire questa eventualità riferendo che lavorerà molto bene in coppia con lui. L'avventura ricomincia, chissà se questa mossa porterà i frutti sperati alla Juventus, il tempo per rimediare ad una stagione fortemente compromessa è quasi scaduto.

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: