Barcellona, Rijkaard riparte dai soliti noti

Squadra che vince non si cambia: motto un po’ logoro ma di grande attualità se si parla dei Campioni d’Europa che, non certo per problemi economici, da un paio di stagioni affrontano il mercato estivo in regime di austerity. Una politica vincente, sia perché Rijkaard ha già a disposizione una rosa difficile da migliorare, sia

di mattia

Squadra che vince non si cambia: motto un po’ logoro ma di grande attualità se si parla dei Campioni d’Europa che, non certo per problemi economici, da un paio di stagioni affrontano il mercato estivo in regime di austerity. Una politica vincente, sia perché Rijkaard ha già a disposizione una rosa difficile da migliorare, sia perché posiziona in termini di marketing il marchio Barcellona su piani diversi rispetto all’aggressività del Chelsea soprattutto, ma anche di Real Madrid, Manchester United o le (ex) grandi italiane, sempre tese a scialacquare milioni e a collezionare giocatori come figurine, piuttosto che a impostare un progetto tecnico.

L’anno scorso il mercato dei blaugrana si risolse nell’acquisto di Ezquerro e di Van Bommel, non sempre titolari, e il vero uomo in più fu Leo Messi, cresciuto nelle giovanili della squadra. Oggi l’unico arrivo è quello dell’islandese Eidur Gudjohnsen, stagionato attaccante tuttofare ex Chelsea, giubilato per fare posto alle nuove superstar di Abramovich come Shevchenko e Ballack. Non certo un uomo in grado di infuocare gli animi, ma un giocatore utile che servirà soprattutto per colmare il vuoto lasciato da Henrik Larsson, tornato in Svezia. E poi soprattutto movimenti in uscita: Gabri, Maxi Lopez e, definitivamente, Saviola; poi forse arriveranno Thuram e Zambrotta, ma per il momento il Barça riparte così com’è arrivato, consapevole della propria forza e della propria diversità.

Da ieri la rosa è al lavoro al campo della Masía, in attesa di accogliere i reduci del Mondiale e Samuel Eto’o in permesso speciale, in vista delle due tournée prestagionali in Danimarca e in America del Nord. Questo il gruppo a disposizione di Frank Rijkaard:

Portieri: Valdés, Jorquera, Ruben

Difensori: Belletti, Márquez, Puyol, Gio van Bronckhorst, Edmílson, Sylvinho, Oleguer, Rodri

Centrocampisti: Motta, Xavi, Deco, Van Bommel, Iniesta

Attaccanti: Gudjohnsen, Giuly, Eto’o, Ronaldinho, Ezquerro, Messi

I Video di Calcioblog

PALERMO-ROMA 1-1 – Radiocronaca di Giulio Delfino (17/1/2015) da Radiouno RAI