FIGC, Giancarlo Abete: "Ho sempre tifato per la Juventus"


In questi giorni il presidente federale è molto impegnato a difendere le squadra italiana impegnate nelle coppe europee. Naturalmente le preoccupazioni maggiori sono per la Fiorentina che è stata sostanzialmente derubata nella trasferta a Monaco contro il Bayern. Molto arrabbiato nelle sedi istituzionali, ed apparentemente tranquillo con i giornalisti: "Non sono affatto preoccupato di come viene trattata l'Italia in Europa. Il problema non esiste proprio. Mi pare si sia visto nelle partite di Juventus e Roma, non c'è un problema di mancanza di peso politico. Ribadisco che l'arbitraggio di Bayern-Fiorentina rappresenta un evidente esempio di terna non attrezzata per questo genere di partite e non di un problema dell'Italia in Europa".

Il presidente Abete ha confessato anche la sua fede calcistica per la Juventus: «Ho sempre tifato per la Juventus, da quando ero bambino. Ma sono 22 anni, da quando sono diventato presidente del settore tecnico, che tifo per la Federazione e la Nazionale italiana di calcio, che è la mia squadra». Nonostante le sue rassicurazioni, probabilmente molto tifosi anti-juventini non avranno preso bene questa notizia.

In questa intervista si è parlato anche di razzismo ed Abete ha sottolineato: «Al di là dei comportamenti inaccettabili, come quelli razzisti, bisogna anche avere capacità di individuare gli effetti delle decisioni che si assumono, come quella di sospendere una partita e far defluire i tifosi».

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: