Due giovani arbitri aggrediti nel giro di poche ore in Campania


Un direttore di gara di Torre del Greco, A. P. di 19 anni, è stato aggredito lo scorso fine settimana su un campo campano. E' quanto emerso nel corso di una riunione nella sede Aia di Torre del Greco alla quale ha partecipato anche Antonio Costabile, il padre del ragazzo colpito da una gomitata a Cercola domenica. Secondo quanto detto durante l'incontro, sul campo di Bellona (Caserta), al termine di un incontro valevole per il campionato di Terza categoria, il 19enne è stato colpito con un pugno alla nuca da un calciatore di 33 anni, perdendo i sensi per qualche istante.

L'arbitro si è poi ripreso grazie al soccorso prestato dai dirigenti delle due squadre ed è tornato regolarmente a casa senza la necessità di ulteriori accertamenti in strutture ospedaliere. Non è il primo deplorevole caso: un'altra giovanissima giacchetta nera è stato aggredita nel napoletano, colpevole, secondo un dirigente della squadra ospite, di aver convalidato un gol in fuorigioco. E' accaduto, a Cercola (Napoli), durante la gara tra Procalcio Ponticelli e Asd Micri, finita 1-0 e decisa in piena zona Cesarini proprio dal gol contestato.

Secondo quanto riporta il sito Metropolisweb.it, un dirigente della Micri, F.M. ha atteso il giovane arbitro a bordo campo e l'ha aggredito provocandogli evidenti ferite al labbro con una gomitata. La vittima, Valerio C., appena 16 anni, residente a Torre del Greco (Napoli), è stato curato in ospedale, accompagnato da un'ambulanza che lui stesso ha chiamato dopo l'aggressione e dopo le prime cure prestategli dai dirigenti della squadra locale.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: