Fiorentina, monta la rabbia dei viola contro Rosetti - Andrea Della Valle: "Ora basta!"


E' tumulto in quel di Firenze: ieri la Fiorentina ha perso contro il Milan, una sconfitta beffarda dacché l'arbitro Rosetti sul finale di gara non ha assegnato un netto calcio di rigore per fallo di Thiago Silva ai danni di Montolivo. Di lì a poco la doccia fredda del sorpasso milanista col gol di Pato. A una settimana dalla beffa in Baviera in cui l'esecutore delle malefatte ai danni della viola aveva la faccia e il nome di Ovrebo, ecco che i toscani ricascano in errori arbitrali sfavorevoli. E l'imputato si chiama ancora Roberto Rosetti: quello che non vide "la parata" di Zauri in una gara contro la Lazio, lo stesso che aveva negato un penalty sempre a Montolivo per un fallo di Favalli in un precedente scontro tra rossoneri e viola.

E c'è anche una curiosità: per il Milan era lo stesso arbitro di tre giorni prima, quando nella trasferta a Bari l'arbitro torinese negò il tiro dagli undici metri ai pugliesi per netta "cintura" di Bonera ai danni di Barreto. Premesse frizzanti, finale di partita infuocato: anche il mite Prandelli ha perso le staffe, il pubblico esasperato (oggi al Franchi sono stati esposti diversi striscioni e cartelli contro gli arbitri e Rosetti in particolare) e anche il primo cittadino, il sindaco di Firenze Matteo Renzi, ieri si è lasciato andare in dichiarazioni ironiche e deluse: "Ma come fanno a farlo arbitrare ancora? La nuova regola inventata da Rosetti è che se Montolivo viene tirato giù non è rigore".

I Della Valle sono stufi, oggi Andrea, il minore dei due fratelli ha indetto una conferenza stampa per chiarire una volta per tutte questa situazione, a suo modo svantaggiosa per una Fiorentina puntualmente penalizzata dalle decisioni arbitrali:

"Sono arrabbiato. E indignato. Ieri è accaduto qualcosa di scandaloso. Dopo Monaco pensavo di aver visto tutto. Invece si è andati oltre. Se c’è un criterio nelle scelte come si può mandare Rosetti in una partita come quella di ieri? Con quei precedenti? Spero che Collina o Abete un giorno me lo possano spiegare, ma so che queste risposte non arriveranno mai. Chissà, dopo tutti questi anni in cui siamo arrivati in Champions League forse diamo noia a qualcuno. Con quanto accaduto ieri la speranza di arrivare quarti è svanita del tutto. Voglio capire cosa ha fatto di male questa Fiorentina. Il rigore su Montolivo era troppo netto, e non vengano a parlarci di strane regole del vantaggio. Rosetti non alza le braccia, ma fa segno chiaramente al nostro capitano di rialzarsi. E’ stata toccata la nostra dignità, quella della squadra e della città di Firenze; che come sempre ha risposto in maniera civile. I tifosi viola sappiano che la società è presente e vigilerà attentamente su quanto sta accadendo".

Un Andrea Della Valle furioso e determinato che non ha lesinato uno sguardo all'imminente futuro: "La classifica non rende merito al nostro valore, anche ieri meritavamo di vincere. A Roma contro la Lazio sabato prossimo scenderà in campo una Fiorentina arrabbiata. Vogliamo arbitri sereni e non quelli condizionati psicologicamente. Non ce li meritiamo". Ennesima uscita di un presidente un po' esagerato o la sacrosanta reazione di una società defraudata?

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: