La nazionale russa pensa a Donadoni, in pole c'è Advocaat

roberto donadoni

La federazione calcistica russa è alla ricerca di un nuovo allenatore per la nazionale dopo l'addio di Guus Hiddink, il vuoto lasciato dall'olandese non sarà facile da colmare, ma al più presto bisognerà nominare il suo erede. Secondo il sito russo Sport Express, la federazione avrebbe avuto nei giorni scorsi dei contatti con Roberto Donadoni per sondare la sua disponibilità ad intraprendere un'eventuale avventura sulla panchina della Russia.

L'ex ct dell'Italia, nonché allenatore di Napoli e Livorno, si sarebbe detto interessato a valutare eventuali proposte. In Russia troverebbe il suo collega e connazionale Luciano Spalletti che ha da poco iniziato la sua prima stagione con lo Zenit San Pietroburgo. In realtà però il nome di Donadoni non sembra avere tanto fascino tra i russi, in particolare non convince il curriculum dell'italiano che sulla panchina azzurra non ha di certo impressionato e che ha concluso la sua ultima avventura da allenatore con un esonero lo scorso ottobre a Napoli.

Meglio sarebbe allora affidarsi ad un altro olandese, uno esperto come Dick Advocaat già allenatore proprio dello Zenit con il quale ha anche vinto un campionato, una Coppa Uefa e una Supercoppa Uefa. In questo momento è alla guida tecnica della nazionale belga, oltre che dell'AZ Alkmaar, ma pare che le trattative siano già molto avviate. Secondo alcune fonti, per lo più la stampa olandese, l'accordo sarebbe già stato raggiunto, tanto che anche la sua presentazione ufficiale sia già stata programmata e dovrebbe avere luogo fra due giorni, il 17 aprile. Il suo miglior successo da commissario tecnico è stato il raggiungimento delle semifinali di Euro 2004 con l'Olanda, risultato più prestigioso dei quarti di finale raggiunti da Donadoni quattro anni dopo con la squadra campione del mondo in carica.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: