Mamma mia che campione: Michel Platini