Gianfelice Facchetti: "Contro mio padre attacchi vili e volgari di quattro barboni"


Dura presa di posizione da parte di Gianfelice Facchetti, figlio dell'ex giocatore e dirigente nerazzurro Giacinto, in merito agli attacchi portati alla figura del padre dopo le nuove intercettazioni rese note dai legali di Luciano Moggi al processo Calciopoli in svolgimento in questi giorni a Napoli. Durante la presentazione a Milano dell'iniziativa "Un gol per la vita", promossa dalla fondazione intitolata al defunto ex presidente dell'Inter, l'attore ha infatti dichiarato:

La credibilità di mio padre non può essere attaccata da quattro barboni, con tutto il rispetto per i barboni. Sono giorni di attacchi vili e volgari quando nel 2006 mio padre morì il suo nome fu iscritto al Famedio di Milano, segno che la memoria di Giacinto Facchetti non è solo nostra ma è condivisa da tutta la città e ora va difesa insieme e con i denti.



aggiungendo:

Si tratta di un estremo tentativo, condotto in modo poco civile, della difesa di un imputato. Si stanno raccontando tante barzellette per gettare fumo negli occhi in un processo che è più mediatico che giudiziario.

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: