Mamma mia che campione: Gerd Muller