Inter: La Juventus chiede la revoca dello Scudetto degli onesti

Ora è ufficiale, con tanto di comunicato sul sito pubblicato dopo la riunione del Consiglio d’Amministrazione: la Juventus presenterà un esposto al Coni per chiedere la revoca dello Scudetto 2005/06, quello tolto proprio ai bianconeri dopo lo scandalo di Calciopoli e consegnato all’Inter. L’iniziativa segue la rivelazione delle telefonate intercettate, ma mai trascritte prima, fra

di


Ora è ufficiale, con tanto di comunicato sul sito pubblicato dopo la riunione del Consiglio d’Amministrazione: la Juventus presenterà un esposto al Coni per chiedere la revoca dello Scudetto 2005/06, quello tolto proprio ai bianconeri dopo lo scandalo di Calciopoli e consegnato all’Inter. L’iniziativa segue la rivelazione delle telefonate intercettate, ma mai trascritte prima, fra i dirigenti nerazzurri (l’allora Presidente Giacinto Facchetti e il patron Massimo Moratti) con i designatori Paolo Bergamo e Gigi Pairetto che stanno spuntando durante il processo di Napoli. Come ricorderete non si tratta della prima richiesta in tal senso, qualche settimana fa aveva fatto lo stesso Christian Vieri.

Questo il testo della nota stampa:


La Juventus chiede la revoca dello scudetto 2006

Nel corso della seduta odierna, convocata per l’approvazione della terza trimestrale di bilancio, il Consiglio di Amministrazione della Juventus ha deliberato di inviare ai presidenti di Coni e Figc, alla Procura Federale e al Procuratore Federale Capo un esposto nel quale si richiede la revoca della decisione di assegnare lo scudetto della stagione 2005-2006.Come aveva anticipato John Elkann lo scorso 29 aprile, la Juventus chiede dunque un trattamento equo. La premessa del documento è infatti che «il movimento sportivo si basi e si fondi sulla lealtà tra – e nei confronti de – gli affiliati, nonché sulla equità e parità di trattamento».

Nel comunicato del 26 luglio 2006, nel quale il Commissario Straordinario della Federcalcio motivava la decisione di assegnare lo scudetto 2005-2006 si leggeva che «gli organi federali possono intervenire con un apposito provvedimento di non assegnazione quando ricorrono motivi di ragionevolezza e di etica sportiva, ad esempio quando ci si renda conto che le irregolarità sono state di numero e portata tale da falsare l’intero campionato ovvero che anche squadre non sanzionate hanno tenuto comportamenti poco limpidi».

Come noto, le ragioni che portarono alla condanna in sede sportiva della Juventus riguardavano principalmente i rapporti tra gli allora dirigenti della società ed esponenti della classe arbitrale oltre che della Federazione.

Nell’esposto presentato oggi si fa esplicito riferimento alle novità emerse nel procedimento penale in corso presso il Tribunale di Napoli, che rivelano l’esistenza di una «fitta rete di contatti» tra esponenti della società beneficiata dell’assegnazione a tavolino dello scudetto 2005-2006 e tesserati del settore arbitrale. Tali contatti rappresentano, secondo i criteri adottati dalla Procura Federale nel giudizio a carico della Juventus, la violazione dei principi di lealtà, probità e correttezza sanciti dall’articolo 1 del Codice di Giustizia Sportiva. È convinzione della Juventus, pertanto, che venga meno il presupposto della decisione assunta dal Commissario Straordinario della Federcalcio nel 2006: l’inesistenza, cioè, di «comportamenti poco limpidi» addebitabili alla squadra che risultò prima classificata dopo la penalizzazione delle altre.

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Calciopoli

Tutto su Calciopoli →