La Sampdoria si ribella alle voci di mercato e chiede rispetto

La fine del campionato è ormai alle porte con gli anticipi di sabato e il turno di domenica andrà in archivio questa avvincente stagione con i suoi ultimi verdetti. Per questo motivo, come ogni anno, i temi del calciomercato stanno cominciando a riempire le pagine dei quotidiani sportivi e non. Com’è normale che sia sono


La fine del campionato è ormai alle porte con gli anticipi di sabato e il turno di domenica andrà in archivio questa avvincente stagione con i suoi ultimi verdetti. Per questo motivo, come ogni anno, i temi del calciomercato stanno cominciando a riempire le pagine dei quotidiani sportivi e non. Com’è normale che sia sono le squadre che più hanno deluso a tenere maggiormente banco, tra queste ovviamente non può mancare la Juventus, protagonista di una stagione che forse possiamo definire la peggiore della sua centenaria storia.

In questi giorni sono tanti i nomi che sono stati accostati ai bianconeri, si è parlato di giocatori, allenatori, dirigenti. Quella che si respira a Torino è una vera e propria aria di restaurazione totale. In particolare abbiamo visto come per la Juventus si stia prospettando un futuro che potremmo definire blucerchiato: Marotta sembra già essere ingaggiato e con lui l’esperto di mercato Fabio Paratici. Ma si è parlato anche di Delneri come candidato alla panchina o di trasferimenti importanti come quelli di Palombo e Pazzini, quest’ultimo accostato anche al Napoli. È ovvio che tutta questa situazione renda la Sampdoria una vera e propria vittima, ridotta a discount per i portafogli della Vecchia Signora.

I blucerchiati sono ancora in lotta per conquistare lo storico e preziosissimo quarto posto da conquistare giocando in casa contro il Napoli. La loro stagione è stata sicuramente da incorniciare e ad un metro dal traguardo tutti questi pettegolezzi potrebbero rovinare quanto di buono fatto fino ad ora. Per questo la società ha deciso di dire basta con decisione a tutto il rumore che si sta scatenando intorno ai suoi uomini più preziosi, lo ha fatto con un comunicato stampa che si apre con una frase molto significativa: “Avviso ai naviganti: la Sampdoria non è e non sarà mai un supermercato”.

La società ligure lamenta lo scarso rispetto per il lavoro che si sta svolgendo, per gli obiettivi ancora da raggiungere e per tutti i tifosi doriani che avrebbero il sacrosanto diritto di godere per un po’ di questo meraviglioso momento senza essere costretti a pensare che la loro squadra possa essere smantellata da qualche grande alla ricerca di riscatto:

“Sono giorni, settimane ormai che i titoloni dei quotidiani nazionali vedono i nostri colori richiamati all’attenzione quasi esclusivamente per questioni legate al calciomercato. La Sampdoria – ripetiamo – non è e non sarà mai un supermercato.

Siamo stati tutti quanti sempre molto chiari in questo, a partire dal nostro presidente Riccardo Garrone che ha rimandato ogni discussione di tal genere a fine campionato. La Samp è una squadra che issatasi lassù al quarto posto sta vivendo proprio in queste ore, insieme a tutti i suoi fantastici sostenitori, un grande sogno.

E alla ricerca e alla conquista di questo straordinario traguardo siamo tutti quanti tesi e di certo non intendiamo più proseguire in questo patetico giochino del chi resta, chi va e chi viene. Fino a domenica 16 maggio ore 17.00 (o giù di lì) a tutti quanti noi interessa solo ed unicamente una cosa.

Abbiamo un obbiettivo estremamente importante da giocarci sul campo e avendo sempre regalato rispetto a tutti, a tutte le componenti che gravitano attorno al mondo del calcio, da tutte queste pretendiamo in cambio almeno questo… il rispetto“.

Non deve ingannare il tono colloquiale e poco formale del messaggio, la società blucerchiata è molto infastidita dalla situazione. L’indice pare puntato non tanto verso altre società, che in fondo hanno diritto di sondare il mercato per preparare la squadra della prossima stagione, pur nel rispetto delle regole, quanto piuttosto verso i mezzi di informazione. Intanto a Sampdoria – Napoli mancano ormai tre giorni, saranno lunghi, ricchi di tensione e di emozione. Domenica alle 17, o giù di lì, il mondo blucerchiato conoscerà il suo destino, e i giornalisti potranno ritornare ad occuparsi di calciomercato, liberi di disegnare qualsiasi scenario riguardo al futuro della Sampdoria.

I Video di Calcioblog