Napoli – Cavani: è il giorno del matrimonio

C’è grande attesa a Napoli: domani sera i partenopei in un amichevole al San Paolo affronteranno il Wolfsburg di Dzeko e, per l’occasione, verrà presentato Edinson Cavani a tifosi e stampa. A dir la verità il giocatore uruguaiano è atterrato all’aeroporto campano già stamani: alle 7.30 era a Capodichino, quindi con una Mercedes a vetri


C’è grande attesa a Napoli: domani sera i partenopei in un amichevole al San Paolo affronteranno il Wolfsburg di Dzeko e, per l’occasione, verrà presentato Edinson Cavani a tifosi e stampa. A dir la verità il giocatore uruguaiano è atterrato all’aeroporto campano già stamani: alle 7.30 era a Capodichino, quindi con una Mercedes a vetri oscurati si è recato a Castelvolturno con moglie, suocera e il procuratore, Pierpaolo Triulzi. Nel centro sportivo degli azzurri ha conosciuto Walter Mazzarri, quindi visite mediche di rito in una clinica poco lontano, infine il pranzo, sempre col suo nuovo allenatore.

Nel pomeriggio ha conosciuto i compagni di squadra, anche se alcuni di loro già erano stati con lui a Palermo o con la Nazionale; in particolare Walter Gargano così ha commentato l’arrivo alle pendici del Vesuvio del connazionale: “Gli ho detto che un calore così non l’avrebbe trovato in nessun posto del Mondo. Gli ho spiegato che io vivo benissimo qui e gli ho spiegato tutti i perché. Lui è stato subito entusiasta. Gli piacerà giocare e vivere a Napoli, ne sono certo. E’ l’ambiente adatto a lui. Per ciò che riguarda l’aspetto tecnico non tocca a me presentare Cavani. Tutti lo conoscono, è uno dei talenti più promettenti del calcio internazionale“.

I due in Sudafrica hanno avuto modo di chiacchierare molto, così ora Cavani è carico a mille e questo è confermato anche dalle parole di stamani del procuratore: “Edinson è pronto, felicissimo e non vede l’ora di cominciare la sua avventura con la maglia del Napoli. Con Zamparini il rapporto rimane ottimo, la separazione è stata consensuale“. E ritornano alla mente anche le opinioni a caldo del diretto interessato che, ufficializzato il passaggio al Napoli, così si pronunciava. “Sono qui perché me lo ha sug­gerito Dio, quando è arrivata la proposta del club di De Laurentiis, ho avvertito una fiammata dentro di me ed ho capito. L’ho detto subito a Sole, mia moglie. Andiamo a Napoli“.

Insomma, come ogni cosa in stile Napoli, anche in questo caso il caloroso popolo azzurro non si è fatto mancare niente; ovviamente l’uruguiano è stato già inserito nel presepe come potete ben vedere dalla foto in cima, e il solito menestrello simpaticone gli ha anche dedicato la canzone di rito. Sì, niente da dire, Cavani è un buon giocatore: ma è davvero il caso di scomodarsi in ventimila (almeno) per la presentazione di domani di un giocatore “scartato” dal Palermo?