Lite Juventus – Inter, Elkann e Agnelli irritati da Moratti

Rapporti freddissimi tra Juventus ed Inter. John Elkann ed Andrea Agnelli non hanno gradito la velenosa battuta pronunciata ieri da Massimo Moratti in un’intervista al Tg1. Il presidente dell’Inter, interrogato sulla crisi del calcio italiano, sempre più multietnico e sempre meno competitivo nelle rappresentative azzurre, si è molto seccato quando il suo interlocutore ha ipotizzato


Rapporti freddissimi tra Juventus ed Inter. John Elkann ed Andrea Agnelli non hanno gradito la velenosa battuta pronunciata ieri da Massimo Moratti in un’intervista al Tg1. Il presidente dell’Inter, interrogato sulla crisi del calcio italiano, sempre più multietnico e sempre meno competitivo nelle rappresentative azzurre, si è molto seccato quando il suo interlocutore ha ipotizzato una responsabilità anche da parte dei nerazzurri, che dominano negli ultimi anni, e che lo fanno senza mai prendere in considerazione il Made in Italy.

Nella sua risposta, Moratti prima ha escluso categoricamente responsabilità da parte dell’Inter e poi ha cercato di spostare l’attenzione su altri aspetti: “Non può essere. Questo non c’entra assolutamente. Sarei più fiero di questa possibilità che l’Inter ha dato al paese di essere prima in classifica in tutto. Bisogna trovare un difetto a chi vince, meglio essere multietnici che comprare le partite“. Chiaro il riferimento alla Juventus ed alle vicende di Calciopoli. La replica della famiglia Elkann-Agnelli non s’è lasciata attendere.


Ieri, poco prima della tradizionale amichevole di Villar Perosa tra la Juventus dei grandi e la primavera, John Elkann ed il presidente Andrea Agnelli, con due battute telegrafiche, hanno voluto rispedire al mittente le parole di Moratti. Elkann ha detto che gli interisti “non hanno mai saputo perdere e non hanno ancora imparato a vincere“, mentre Agnelli che “Moratti dovrebbe imparare a gioire delle proprie vittorie“. Moratti ha accolto con stupore e meraviglia le parole di Elkann ed Agnelli sostenendo che ogni riferimento a cose e persone era stato puramente casuale. Non male in vista del campionato.