Zeman contro tutti: "Lippi coinvolto in Calciopoli, Mourinho è l'anticalcio"


Dopo l'esordio vincente in Lega Pro sulla panchina del suo Foggia, al quale ha fatto ritorno dopo sedici anni, il tecnico boemo Zdenek Zeman, si sfoga sulle pagine di Max, attaccando tutto e tutti in un'intervista che non mancherà di suscitare polemiche. L'allenatore ne ha in particolare per alcuni noti giocatori e colleghi di maggior successo. Per quanto riguarda il primi ha dichiarato:

Totti è eclettico e può giocare ovunque. E' da 15 anni che si tira la Roma sulle spalle! Al contrario di Del Piero che non è più indispensabile. Cassano è un talento ma non è mai stato decisivo.

Ma le frecciate più velenose sono per l'ex allenatore dell'Inter, José Mourinho: "Ha vinto la Champions giocando l'anticalcio, non da squadra che passa per la migliore d'Europa." e per l'eterno "nemico" Marcello Lippi: "Lippi non lo valuto per un Mondiale fatto bene o male ma per la sua storia. Non mi sono piaciuti i suoi anni alla Juve dove penso abbia partecipato attivamente a Calciopoli."




Infine una battuta sull'attuale situazione del calcio e sulla tessera del tifoso:

E' tutto business e gioco individuale dentro e fuori dal campo. Gli allenatori non contano più nulla fanno tutto i procuratori. La tessera del tifoso poi è una confessione di impotenza, per pochi delinquenti pagano in migliaia.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: