Boruc: “O gioco o vado via da Firenze”

Non è arrivato alla Fiorentina per fare il secondo portiere. Artur Boruc, ex portierone del Celtic Glasgow, mette subito le cose in chiaro, anche se la concorrenza sarà un ostacolo durissimo da superare perché il titolare si chiama Frey. Resta sicuramente da scoprire la motivazione che ha indotto il club viola ad acquistare Boruc, un

di antonio


Non è arrivato alla Fiorentina per fare il secondo portiere. Artur Boruc, ex portierone del Celtic Glasgow, mette subito le cose in chiaro, anche se la concorrenza sarà un ostacolo durissimo da superare perché il titolare si chiama Frey. Resta sicuramente da scoprire la motivazione che ha indotto il club viola ad acquistare Boruc, un estremo difensore di tutto rispetto difficilmente adattabile al ruolo di riserva. “Sono venuto per giocare, se questo non avverrà cambierò“, ha detto nel corso di un’intervista rilasciata a ‘rp.pl.’ dal ritiro della nazionale polacca, intervista confermata dalla società viola. Boruc parla della sua situazione:

Contro l’Ucraina ho giocato bene ma dovrò confermarmi la prossima volta. Se continuerò a stare in panchina a Firenze non avrò tante altre occasioni. Questo è il solo problema che ho in questo momento: la mia posizione nel club viola. Sono contento di essere tornato in nazionale e anche per questo non voglio restare in panchina e mi auguro che la mia situazione cambi. Lotterò per giocare. Ma se questo non avverrà basterà cambiare club. Al momento è difficile dire se ho fatto la scelta giusta”.


Infine un appunto sull’ambientamento in Italia: “So che ho una mia immagine, che qualcuno mi definisce un tipo provocatorio, ma in realtà sono un tranquillo. Sono felice di essere tornato in Nazionale, spero di restare nel giro. Ho perso peso? Non so perché, in Italia c’è un clima migliore rispetto alla Scozia: faccio una dieta regolare, non mangio solo pasta“.

I Video di Calcioblog