Ballack: no all'Inter




Interisti: ok, d'accordo, vedremo di farcene una ragione, eh?

Spiace che a diventare antipatico sia il giocatore, perché le scemenze le ha dette il suo manager.

Ma se Ballack ha deciso di farsi rappresentare da uno che ha sfiorato il Nobel per la tosatura del prato, peggio per lui.

Da quanto riportato su Gazzetta.it, veniamo a consocenza infatti dell'illuminato pensiero del Sig. Michael Becker, manager del Capitano della nazionale tedesca: "Michael continuerà la sua carriera con una squadra che vincerà la Champions League.

Non andrà sicuramente all'Inter. Andrebbe solo in un club con maggiori chance rispetto al Bayern di vincere la Coppa.
L'Inter è al momento terza in serie A, mentre il Bayern è in testa alla classifica del campionato tedesco
"

In pratica siamo al cospetto di un genio: da quanto si capisce, secondo lui la Champions League la può vincere solo una squadra prima nel proprio campionato e migliore del Bayern, non si sa sotto quale profilo.

Stupisce che Riccardo Pratesi, commentando le frasi del luminare del calcio suddetto, si sia impegnato oltre misura nel tracciare un quadro deprimente per l'Inter, che vorrebbe disperata e affranta dalle esternazioni di Becker.

Sarà, ma personalmente, visto il Ballack di ieri, visto quello che pretende e visto chi lo consiglia, il pensiero più triste che mi sovviene è: chissefrega se non vieni a giocare da noi, però se un faccio un saltino a Monaco ti porto la foto dell'undici titolare della Champions League, sai mica in che posizione ha finito la Premiere League prima di vincere la Champions?

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: