Ulivieri smemorato contro Del Piero: "Rispetti le sentenze definitive"


Renzo Ulivieri, ex allenatore, ha rilasciato un'intervista a calciomercato.com che sarebbe certamente destinata a far discutere, se a qualcuno interessasse ciò che Ulivieri dice. Noi, per sua fortuna, siamo fra quelli. L'attuale Presidente dell'AIAC (Associazione Italiana Allenatori Calcio) ha sentito l'indifferibile necessità di rispondere alla testimonianza di Alessandro Del Piero al Processo di Napoli su Calciopoli. Il capitano della Juventus aveva detto, per grandi linee, "ritengo tutti gli scudetti vinti da quando sono giocatore meritati, sia quelli della Juve sia quelli degli altri".

Renzaccio la pensa diversamente:


No, non sono d’accordo, nel modo più assoluto. Non si è accorto che qualcosa non andava. C’è stata un’inchiesta della Federazione. Un conto è l’inchiesta della giustizia ordinaria, un altro conto è l’inchiesta della giustizia sportiva, che ha dei parametri diversi. Le valutazioni fatte dalla giustizia sportiva credo che siano abbastanza chiare e io sto a quelle. Credo che non ci si debba mettere a discutere sulle sentenze in via definitiva.

Potremmo archiviare qui la questione, ma Ulivieri, in un momento di incontinenza verbale, ha anche sentito il bisogno di dire la sua sul confronto fra Boniperti e Del Piero proprio a tre giorni dal nuovo, ennesimo record dell'attuale capitano della Juventus, capace di raggiungere a quota 178 reti il suo illustre predecessore nella classifica dei marcatori assoluti della Serie A. L'apprezzamento per Alex è tutt'altro che tenero, anche gratuito volendo:


Io preferisco Boniperti, come valore assoluto. E’ il personaggio nel suo insieme, per anni poi ha fatto il presidente della Juventus. Anche Del Piero è un gran personaggio, però mi sembra che le direzioni siano diverse. Del Piero parla anche con gli uccellini, come San Francesco…la statura di Boniperti mi sembra superiore.




A sentir parlare di "uccellini" Antonio Corsa, blogger de Uccellinodidelpiero.com, si è sentito chiamato in causa ed è andato a ripescare un'altra sentenza sportiva, una di quelle che Ulivieri imporrebbe di "rispettare" come fossero verità rivelate.

Sentenza della C.A.F. (Corte d’Appello Federale) in riferimento allo “Scandalo scommesse”.

Nell’estate del 1986 e’ scoppiato il caso denominato “Totonero” che vide coinvolti squadre, Presidenti e giocatori.
A fine indagini e dopo le sentenza di primo grado da parte della Commissione Disciplinare la C.A.F. emano’ questa sentenza irrevocabile:
[...]
Inibizione e squalifiche ai giocatori
(decorrenza 9/08/1986):
[...]
- 3 anni: Dario Maraschin (L.R. Vicenza Presidente), Antonio Pigino (Dipendente del Pro Vercelli), Giancarlo Salvi (Dirigente del L.R. Vicenza) e Renzo Ulivieri (Allenatore del Cagliari);
[...]

Ecco, noi ci schieriamo, crediamo all'assoluta estraneità di Renzo Ulivieri a qualsiasi malaffare legato al Totonero degli anni '80.

La Giustizia Sportiva può sbagliare, Renzaccio è d'accordo?

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: