Moggi sul caso Krasic: "Per un rigore così mi avrebbero crocifisso"


Nella consueto intervento all'interno della trasmissione televisiva condotta da Pippo Franco Ieri, Moggi e Domani in onda su Gold Tv, l'ex d.g. dei bianconeri, Luciano Moggi, dice la sua sul caso Krasic, che ha infiammato il dopopartita della sfida disputata ieri al Dall'Ara tra Bologna e Juventus:

Il rigore su Krasic? Avessero dato un rigore così ai tempi in cui ero il Direttore Generale della Juventus mi avrebbero crocefisso. Questo a conferma che gli arbitri sbagliavano prima e sbagliano oggi e lo faranno sempre, ma in buona fede. Per fortuna comunque che Iaquinta ha sbagliato il rigore. Così anche Malesani, che spesso mi ricorda Zeman nelle dichiarazioni, ogni tanto può festeggiare. Pareggio che non serve alla squadra bianconera, che doveva vincere. Le incredibili dichiarazioni di Pistocchi su Krasic a fine gara? Come sempre il giornalista ha perso l’ennesima occasione per stare zitto.




In seguito Moggi dà il suo giudizio sulla prestazione delle altre protagoniste del campionato:

La Lazio ha sofferto fino all’ultimo secondo contro un ostico Cagliari, riuscendo però a portare la vittoria a casa. Questo a conferma che l’ottimo inizio di campionato non è un caso. Sicuramente non vincerà lo scudetto, ma si farà valere nelle prime posizioni fino alla fine. Lotito è stato bravo a costruire una buona squadra con pochi soldi arricchendola del talento di Hernanes. [...] L'Inter? Le difficoltà di questo inizio di stagione sono tutte nel rendimento negativo di Milito e Sneijder. Solo lo strepitoso momento di forma di Eto’o non può bastare per riconfermarsi ai grandi livelli dell’anno scorso. Il fatto che Lucio sia sempre uno dei più pericolosi in attacco deve far riflettere. [...] Nonostante la guida di Pizarro a centrocampo, la Roma ha perso un’ottima occasione per accorciare la classifica. Se lo spogliatoio non aiuta l’allenatore la squadra giallorossa rischia di giocare un campionato al di sotto delle aspettative ma forse tra l’allenatore e lo spogliatoio è finito il feeling e poi ogni volta che viene sostituito Totti...

Sulla stessa linea delle recenti dichiarazioni di Fabio Capello invece, le sue considerazioni sul calcio italiano, alle quali aggiunge un elogio del nuovo allentore dell'Under 21, Ciro Ferrara:

Il calcio italiano sta vivendo un momento difficilissimo a tutti i livelli. Ormai non siamo più il miglior campionato d’Europa e i campioni scelgono altri campionati, soprattutto quello spagnolo. Faccio un in bocca al lupo a Ciro Ferrara per la sua promozione sulla panchina dell’Under 21. Conosco Ciro e l’ho avuto alle mie dipendenze, so quanto è scrupoloso e meticoloso nel preparare le cose. Gli sarà servita anche l’esperienza negativa della Juventus. Il problema però è sempre lo stesso, mancano i ricambi a tutti i livelli nazionali, soprattutto perché troppe squadre puntano sugli stranieri. L’Inter che vince non dà nessun giocatore alle Nazionali, la mia Juve era invece l’asse portante!

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: