Video Ranieri vs Mauro: "Quel signorino lì..."

A far scatenare la scomposta reazione di Ranieri è bastata una domanda di Massimo Mauro e Mario Sconcerti sull'esclusione di Pizarro dall'undici titolare contro il Bari: "Pizarro in questi giorni è stato male, tre giorni con influenza e diarrea, prima ha fatto sette panchine perché si è fatto male e poi era sempre in fase di recupero. Voi volete creare il problema Pizarro, avete il gusto di voler sempre alimentare la polemica, ma il problema Pizarro non c'è. Io ho nostalgia delle giocate del cileno, senza lui e senza De Rossi avevamo un centrocampo un po' inedito".

Ranieri ha poi continuato: "Vi dò consiglio non alimentate sempre la polemica perché a Roma tra poco non vi vedrà più nessuno, io ho il polso dell'umore della gente che mi ferma per strada". "Se veramente avessimo voluto fare polemica - ha replicato l'opinionista di Sky Massimo Mauro rivolto a Ranieri - avremmo fatto vedere che sul gol della Roma c'era un fuorigioco". Mauro, nella consueta rubrica di Repubblica.it, sottolinea l'assoluta liceità della domanda a Ranieri sul tema Pizarro. La Roma, nel frattempo, non ci sta e si fa scudo con le parole di Rosella Sensi rilasciate all'Ansa e riprese da leggo.it:

"L'opinionista di Sky, Massimo Mauro, dopo essersi dimostrato al solito in vena polemica nella versione televisiva, in veste di giornalista sul sito di 'Repubblica.it'. ha spiegato ai suoi lettori che un Ranieri così fa male al calcio, alla Roma e alla sua città. In riferimento allo scambio di idee avuto con il nostro allenatore, nell'immediato post partita Roma-Bari - prosegue la Sensi - la società giallorossa ritiene inaccettabile un atteggiamento del genere, tenendo conto che i comportamenti a volte troppo disinvolti in diretta televisiva potrebbero anche trovare giustificazione nel frenetico clima lavorativo e alla scarsa possibilità di riflessione".

"Ma Massimo Mauro in veste da giornalistica dimostra di non aver capito l'errore commesso nel provocare nella veste di intervistatore televisivo il nostro tecnico. D'altra parte non è la prima volta che l'ex calciatore dimostra di non amare il lavoro dei suoi colleghi e dei tecnici che hanno giocato a calcio con lui - continua la Sensi - Alla Roma non è sfuggito l'impietoso giudizio di qualche tempo fa nei confronti di Adriano, quasi a voler volutamente ignorare l'impegno e lo sforzo di un giocatore che sta ricostruendo se stesso con umiltà e devozione alla professione".

"È inaccettabile che chi rappresenta il principale evento televisivo di riferimento calcistico si permetta commenti tanto pesanti nei confronti di un allenatore, come Ranieri che, dopo aver sfiorato lo scudetto la scorsa stagione, conquistando 48 punti in un girone e chiudendo l'anno solare al primo posto in Italia, sta ora recuperando i primi posti della classifica dopo aver portato la Roma agli ottavi di Champions - conclude il presidente, Rosella Sensi - Al momento le uniche cose che fanno male al calcio alla Roma e alla città di Roma sono i commenti di chi ogni tanto dovrebbe imparare a tacere ed a riflettere".

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: