Inter – Napoli 3-1: esordio ok per Leonardo grazie a Thiago Motta

Va bene la pioggia e il freddo, ma se Walter Mazzarri finisce la partita con indosso la giacca, non rimanendo cioè in maniche di camicia con annessa trance agonistica, allora vuol dire che qualcosa non è andato per il verso giusto, non per il Napoli; di contro esordio migliore non poteva immaginarlo Leonardo, che non


Va bene la pioggia e il freddo, ma se Walter Mazzarri finisce la partita con indosso la giacca, non rimanendo cioè in maniche di camicia con annessa trance agonistica, allora vuol dire che qualcosa non è andato per il verso giusto, non per il Napoli; di contro esordio migliore non poteva immaginarlo Leonardo, che non solo ha ottenuto i primi tre punti da allenatore dell’Inter, ma lo ha fatto anche di fronte al nuovo pubblico e beccandosi abbracci a ripetizione dai suoi giocatori, da Zanetti a Stankovic, da Cambiasso a Thiago Motta. A proposito del mediano brasiliano, a meritarsi più di un complimento a fine gara è stato proprio lui grazie a una partita perfetta condita da una preziosa doppietta.

Il primo gol arriva dopo appena tre minuti, coi partenopei ancora negli spogliatoi: ottimo lo scambio con Stankovic, l’ex Barça e Genoa non ci pensa su due volte e scarica un tiro piazzato dal limite dell’area, palla nell’angolino e De Sanctis battuto a freddo. Il Napoli è squadra tosta, a volte pasticciona, ma mai doma: per dire, non è stato il Napoli del settembre 2009, quello di Donadoni che a San Siro contro i nerazzurri buscò la prima rete proprio al 3° minuto (segnò Eto’o) e poi si dissolse nel nulla. No, i campani questa volta rimangono in partita, imbastiscono buone trame e, dopo il gol giustamente annullato a Dossena, ecco il pari di Pazienza, la cui incornata da corner è utile per battere Castellazzi.

Insomma, nella prima frazione il Napoli gioca bene e risponde colpo su colpo alle folate dei padroni di casa, comunque sempre velenosi e pronti a colpire; così se Milito continua ad essere appannato e si divora un gol a tre metri dalla linea di porta (sparando alto di controbalzo), non perdona Cambiasso che sceglie il tempo giusto su cross di Maicon e di testa fa 2-1. Questa volta la mazzata è forte, anche perché un paio di minuti prima Maggio, con un diagonale a fil di palo, aveva addirittura sfiorato il vantaggio per gli azzurri. E così nella ripresa Thiago Motta chiude i conti dopo dieci minuti: corner di Pandev, il brasiliano si beve Dossena e di testa spedisce in rete. Nell’ultima mezz’ora di gioco non accade più nulla.


Le foto di Inter – Napoli 3-1

Le foto di Inter - Napoli 3-1
Le foto di Inter - Napoli 3-1
Le foto di Inter - Napoli 3-1
Le foto di Inter - Napoli 3-1

Il tabellino di Inter – Napoli 3-1

INTER-NAPOLI 3-1 (2-1)
MARCATORI: Thiago Motta (I) al 3′, Pazienza (N) al 23′, Cambiasso (I) al 37′ p.t.; Thiago Motta al 10′ st

INTER (4-3-1-2): Castellazzi; Maicon, Lucio, Cordoba, Chivu; Zanetti, Cambiasso, Thiago Motta (Muntari dal 41’ st); Stankovic (Mariga dal 35’ st); Pandev (Biabiany dal 38’ st), Milito. (Orlandoni, Ranocchia, Mariga, Materazzi, Santon). All. Leonardo.
NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano (Yebda dal 13’ st), Pazienza (Sosa dal 31’ st), Dossena (Zuniga dal 21’ st); Hamsik, Lavezzi; Cavani. (Iezzo, Grava, Dimitru, Santacroce). All. Mazzarri.

ARBITRO: Rocchi.
NOTE: spettatori 50mila circa. Ammoniti Chivu, Aronica, Campagnaro e Maicon (gioco scorretto), Zanetti (comportamento non regolamentare). Angoli 3-7. Recuperi 1′ e 4′